Home » > EDITORIALE

Bambini cestinati!

Inserito da on 5 maggio 2013 – 00:00No Comment

di Rita Occidente Lupo

Ancora la gravidanza un fardello per molte donne, che appena possono, si sbarazzano dell’ingombro…cestinandolo! Contrariamente a chi vede naufragate le gioie della maternità! La cronaca, ancora rimanda a riguardo storie agghiaccianti! Eppure, dopo le serrate campagne abortiste, le polemiche sulle gravidanze a rischio e non, per svariati motivi. Ma le giovani, oggi, sempre più propense a consumare il sesso slow, senza badare a conseguenze di sorta. Ovviamente, facendo uso di farmaci ostacolanti la fecondazione. In aumento, l’uso di pillole non solo del giorno dopo, ormai quella dei 5 giorni, maggiormente gettonata, per un maggior lasso di tempo, in fascia C, al costo di 35€ in farmacia. A base del progestinico ulirpistal, in grado di bloccare l’ovulazione fino a 120 ore dopo il rapporto a rischio, diversamente dalla pillola del giorno dopo, contenente levonorgestrel, il cui effetto solo fino alle 72 ore successive al rapporto non protetto. L’ azione, prima dell’eventuale annidamento dell’embrione nell’utero. Sì da scongiurare l’aborto, rimozione dell’embrione già annidato in utero, dopo il sesto o settimo giorno da un rapporto potenzialmente a rischio. In quanto alle conseguenze ed ai risvolti psicologici, non trascurabili, diversi per ogni singolo caso!

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.