Home » • Valle dei Picentini e Piana del Sele

Eboli: protesta dei lavoratori edili

Inserito da on 16 marzo 2013 – 02:44No Comment

 Nel corso della giornata di ieri i lavoratori edili hanno ripreso l’ occupazione dell’Aula Consiliare, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica in merito alle problematiche legate al mondo del lavoro. Questa mattina le forze politiche hanno rinnovato il proprio impegno per mettere in campo soluzioni utili ad arginare le problematiche occupazionali del settore edile. In merito alla questione interviene il Presidente del Consiglio Comunale Luca Sgroia: “L’attuale crisi economica sta provocando, anche nella nostra città, momenti di sofferenza profonda; purtroppo ci sono persone che  non hanno il problema di arrivare alla fine del mese, ma, piuttosto, di giungere a sera. Credo, quindi, che,  in capo a noi che rappresentiamo i cittadini, vi sia una responsabilità di carattere morale, ancor prima che politica ed istituzionale, e cioè quella di lavorare per mettere in campo ogni iniziativa utile a  risolvere questo dramma sociale. In tal senso, apprezzo l’idea emersa questa mattina dal confronto con i lavoratori – cui ho partecipato – che nel prossimo Consiglio Comunale si dia vita ad un tavolo bipartisan, che prevederà anche la presenza di una delegazione dei lavoratori stessi. Devo, infine, aggiungere – conclude il Presidente del Consiglio Comunale – che non appena questa proposta è stata formalizzata, i lavoratori hanno, immediatamente e responsabilmente, sospeso le attività di protesta che stavano svolgendo”. “Comprendo pienamente – dichiara il Sindaco di Eboli Martino Melchionda – le gravi difficoltà di coloro che stanno manifestando per sensibilizzare tutti rispetto alla difficile situazione del comparto dell’edilizia, che vive una crisi particolarmente difficile. Tuttavia, una cosa deve essere chiara: il diritto di protestare è sacrosanto, ma va esercitato nel rispetto delle importanti funzioni che, quotidianamente, svolgono gli uffici comunali. Non possiamo continuare a tollerare tali sistematiche occupazioni della Casa Comunale. Non è necessaria una modalità di protesta così eclatante per ricordarci l’importanza di fare la nostra parte. Detto questo, raccolto l’idea giunta dai lavoratori di costituire un tavolo di concertazione con tutte le forze politiche; e, in tale occasione,  mi auguro che l’opposizione dismetta i panni della demagogia e si adoperi concretamente per trovare possibili soluzioni, non solo alle problematiche occupazionali dei singoli, ma anche a quelle dei tanti, che soffrono in silenzio, e che quotidianamente ascolto. Mi rivolgo, infine, – conclude il primo cittadino – ai rappresentanti locali della destra politica affinché si adoperino anche a partire dalla Provincia di Salerno. Difatti, da tempo attendiamo che la Provincia sblocchi il dimensionamento del PUC e altri importanti provvedimenti, che mirano a creare le condizioni di sviluppo del comparto edilizio, sono ancora in attesa di parere.”

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.