Home » miscellanea

A te che leggi entro mezzanotte…”E lungo il Tevere”

Inserito da on 17 febbraio 2013 – 00:00No Comment

Giuliana Rocci

Stremata, accesa quella caffettiera, affannosa  di programmi. Utili  ben poco, per l’ uso sempre uguale! Anni incerti, liberatori: dipendenza dal primo amore, nel resettare, riavviare e riabbracciare quel  complice, tra dita poco avvezze alla rete. Poi, l’ abitudine: freneticamente tastierante, al punto da scaraventare rabbia ed attese, sotto polpastrelli, vittime di strapazzo! Coriandoli di pazienza, annodati alla mail cartolina:  annotato di tutto, di più. Finale, asciutta consonanza! Viziata di malinconia, spalancata la mente ai ricordi. E lungo il fiume, quella sera d’estate…sonnecchiante, passi affrettati verso meta comune. A guardarlo, luci sopite dal riverbero del sole, stanco di tramonti. Dietro le montagne,  il chiarore: sere arrossate, da promesse dell’alba. Riprendere quei passi insieme, rivederlo e distrarsi da cuspidi quotidiane e  gelosia sovrumana. Tra fatica di fare e dovere d’apparire:  voglia d’essere  ed incapacità di farsi sentire. Ambulante  fretta umana, sempre alla deriva del proprio vivere. Lei, incurante del tempo, pizzicottanti battutine umoristiche. Impettito, scolpito, il suo cipiglio dai rumori: recuperata distanza, caina di solitudini, per il cuore vagabondo. Quel fiume, non  il Tevere, cantato rocamente da Baglioni, patto d’intese: in attesa di risposte, quiescente ritmo, senza onde d’urto. Anelito in cuore: dal primo momento soppesato, in udienza d’attese. Ancora l’  epistolario virtuale, a struggerle malinconia di rivederlo! 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.