Home » • Salerno

Salerno: Celano su contabilità amministrativa comunale

Inserito da on 16 febbraio 2013 – 06:11No Comment

I continui interventi della Magistratura Contabile sull’attività amministrativa del Comune di Salerno, dimostrano la fondatezza di quanto da anni l’opposizione, purtroppo inascoltata,  tenta di far emergere  in merito all’assenza di trasparenza ed alle procedure a dir poco “forzate” adottate da un’Amministrazione poco incline al confronto ed al dibattito democratico. Gli ultimi “severi” provvedimenti assunti dalla Corte dei Conti sono sintomatici dell’arroganza con cui, per anni, si è gestito il potere in città e dei motivi per cui il Comune di Salerno appare oggi sull’orlo del dissesto finanziario ed incapace perfino di ”garantire” il pagamento dei servizi essenziali alla cittadinanza. Appare ormai chiaro che, già da tempo, è avviata la parabola discendente di un Primo Cittadino che ha iniziato il suo percorso amministrativo circa venti anni orsono a seguito delle “disgrazie” giudiziarie dell’amato Sindaco Vincenzo Giordano. Un ventennio di “racconti” favolosi, di promesse  non mantenute, di sfrenata propaganda, di asfissiante comunicazione di verità solo virtuali abilmente fatte percepire come già esistenti, di sfarzose inaugurazioni anche del nulla sta lasciando il passo alla triste e cruda realtà di un Comune “appesantito” da posizione debitorie non più sostenibili, non più in grado di soddisfare neppure le più impellenti esigenze dei cittadini “tartassati”, tra l’altro, da tasse, balzelli e tributi locali di entità a dir poco insostenibile. La città ha evidente bisogno di cambiamento, si avverte l’urgenza di iniziare una nuova fase amministrativa, certamente più sobria, meno sfarzosa e “chiassosa” ma evidentemente più capace di occuparsi dei problemi  reali della comunità, delle istanze dei giovani dei quartieri e meno incline a rispondere alle esigenze personalistiche e promozionali di chi ama curare l’immagine più che la sostanza!

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.