Home » • Salerno

Salerno: Pd scrive al Prefetto “Dove sono Stato, governo, stato di diritto”?

Inserito da on 3 febbraio 2013 – 05:59No Comment

 Il Segretario provinciale del Partito Democratico Nicola Landolfi, ha inviato una nota urgente al Prefetto evidenziando alcuni casi eclatanti di sospensione della legge e dello stato di diritto nel territorio salernitano,riservandosi di rivolgersi in tempi rapidi all’Autorità Giudiziaria. Sono stati evidenziati  alcuni casi espliciti di violazione  della legge che non hanno trovato risposta alcuna, e di forzatura del corretto ruolo di alcune istituzioni locali, specie nel corso della campagna elettorale. Chiede il PD: – Perché non si sono presi provvedimenti in relazione alla incompatibilità del sindaco di Mercato San Severino Giovanni Romano che, illegalmente, continua ad esercitare anche la carica di Assessore Regionale? – Perché si consente all’Amministrazione provinciale di restare in carica in presenza di una palese e macroscopica violazione di legge, con un Presidente non eletto?- Perché non si chiedono in via perentoria, coerentemente e  conseguentemente  a quello che dovrebbe essere l’uso corretto  di funzioni pubbliche, ai Presidenti dei Consorzi  che sono candidati di dimettersi? – Come è possibile che violando anche qui palesemente le regole, il Direttore dell’ASL di Salerno  faccia la campagna elettorale  in maniera esplicita, partecipando  perfino ad iniziative pubbliche del suo partito? – Non viene posta alcuna questione di incompatibilità sul ruolo del Segretario Generale della  provincia che è anche sindaco di un comune dello stesso territorio, configurando così un macroscopico conflitto ‘ controllato – controllore’?-“E’ giunto il momento che la Prefettura  intervenga in modo netto. Sono a rischio la democrazia del nostro territorio, la civile convivenza, le minime garanzie di legge. Lo Stato presente sul territorio, – conclude Landolfi – non può fare finta di non vedere, e non può svolgere una funzione neutra se questa, anziché produrre garanzie e imparzialità, acuisce illegittimità e riduce al minimo soprattutto i diritti dei più deboli  e delle persone meno garantite”.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.