Home » Senza categoria

Potenza: Magdi Cristiano Allam, ha presentato oggi a Potenza le liste “Io amo l’Italia”

Inserito da on 2 febbraio 2013 – 00:55No Comment

Io amo l’Italia, il movimento politico presieduto da Magdi Cristiano Allam, parteciperà alle elezioni del 24 e 25 febbraio come movimento indipendente che intende essere il punto di riferimento degli italiani perbene e di buona volontà e vera alternativa alla partitocrazia che si è auto-screditata e ha svenduto l’Italia ai poteri finanziari globalizzati, alla tecnocrazia che sta distruggendo l’economia reale e uccidendo le imprese, all’opposizione demagogica che lucra speculando sulla denuncia, all’orientamento forte a boicottare le urne. Magdi Cristiano Allam ha chiarito la situazione che si è determinata in seguito alle elezioni regionali del 2010 quando raccolse il consenso di 30.000 lucani, pari a quasi il 9% degli elettori.“Purtroppo tale consenso – ha spiegato Magdi Cristiano Allam – non mi ha consentito di essere eletto in seno al consiglio regionale e pertanto ho dovuto proseguire la mia attività di europarlamentare e di Presidente nazionale di Io amo l’Italia lasciando a Ernesto Navazio, unico consigliere eletto di Ali, il notevole patrimonio di 30.000 voti.” “Oggi – ha continuato Allam - si è capito il motivo per cui tale consenso non si è consolidato e non si è tramutato in un maggiore radicamento territoriale. Ernesto Navazio, che mai si è iscritto ad Ali, ha utilizzato Io amo l’Italia come un taxi passando con Mario Monti, le cui posizioni sono l’esatto opposto di quelle di Io amo l’Italia. Come si fa dalla sera alla mattina a mutare così radicalmente le proprie posizioni e i propri valori?” “Io amo l’Italia – ha detto Magdi Cristiano Allam -  promuove  un autentico cambiamento dell’Italia che trova fondamento nel riscatto della sovranità monetaria che si traduce nell’uscita dall’euro e sul riscatto della sovranità legislativa e nazionale che corrisponde all’uscita da questa Unione Europea; nella centralità della persona sulla moneta, della famiglia naturale sulla banca, della comunità locale sul mercato, dei valori non negoziabili sullo spread; nella riforma dello Stato incentrata sul Federalismo dei Comuni, la Repubblica Presidenziale e il drastico abbattimento dei costi della Pubblica Amministrazione. Tutto ciò rappresenta l’esatta antitesi di Mario Monti che sta perpetrando il crimine di rendere gli italiani poveri in una Italia ricca, costringendo alla chiusura migliaia di imprese, facendo esclusivamente gli interessi delle banche e dei poteri finanziari forti piuttosto che dei cittadini. Io amo l’Italia intende porre al centro della propria attenzione la persona, la famiglia, la collettività, piuttosto che la moneta, le banche, i mercati. Magdi Cristiano Allam ha concluso spiegando che su queste basi intende chiedere il voto agli italiani il 24 e 25 febbraio. “Abbiamo a cuore il bene comune e gli italiani devono conoscere i contenuti del nostro programma politico. Chiedo a ciascuno di investire il proprio tempo, la propria mente e il proprio cuore per dire: Io amo l’Italia c’è!  Ci siamo e ce la faremo!  E desideriamo essere l’alternativa al degrado generale nel quale l’Italia sta sprofondando e dal quale sarà sempre più difficile riemergere se non si cambierà rotta.” Dobbiamo impegnarci perché Io amo l’Italia sia conosciuto e perché dopo il voto non si dica: “Se l’avessi saputo prima, avrei votato Io amo l’Italia!” Sono più che mai convinto che in questo degrado morale e materiale in cui siamo sprofondati, dove viene meno qualsiasi certezza, si possa realisticamente realizzare il miracolo del riscatto della nostra sovranità popolare, politica, monetaria, legislativa, giudiziaria e nazionale. I candidati per la Camera dei deputati sono: 1. Magdi Cristiano Allam, 2. Carlo Fusco, 3. Donato Ielpo, 4. Michele Bonomo, 5. Maria Bonsera. I candidati al Senato della Repubblica: 1. Egidio Davide Rodolfo Facioni, 2. Adriano Pecchia, 3. Alberto Scrocca, 4. Angella Innella, 5. Giovanni Torcelli, 6. Vito Corvino.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.