Home » > Primo Piano

Vietri Sul Mare: presentato dall’Amministrazione comunale “Crollo di un’identità”

Inserito da on 20 gennaio 2013 – 08:01No Comment

Presentato, ieri sera, alle ore 18,00, nell’aula consiliare del Comune di Vietri sul Mare, con patrocinio comunale “Crollo di un’identità” di Teresa Fasano. “Un libro da leggersi alternando la riflessione al nerbo narrativo- ha commentato il direttore del nostro quotidiano Rita Occidente Lupo, che ha coordinato la serata- e che allunga l’attenzione sulla spensieratezza dell’infanzia, spesso negata.” “Infatti, l’autrice del libro- ha aggiunto la psicoterapeuta e scrittrice Sandra Pagliuca- ha bussato alla porta del mio studio per chiedermi aiuto nel superare il trauma che l’ha segnata dai primi anni. Il suo dolore, dinanzi all’orrore della perdita della sua famiglia, per un incendio a Frattaminore, ha raggiunto delle punte lancinanti, solo in parte smorzate dall’adozione. Infatti, con la perdita del padre adottivo, un altro trauma ad un equilibrio già compromesso. Ma da tutto ciò, la Fasano, oggi imprenditrice e madre, uscita a testa alta, con una forza notevole nell’andare avanti nella vita.” Infatti, da alcuni stralci del testo, letti nel corso della serata da Enza Zoccola, la punta dell’iceberg dei ricordi, come in un feed back, in cui la spettacolarizzazione dell’immane, riveste note inverosimili. “Tanti credono che essere piccoli, significhi sempre poter gioire degli anni spensieratamente- ha aggiunto la Fasano- restando incollati ai sogni ed al ludismo. Invece spesso, anche i genitori, se adottivi, non riescono a comprendere il dolore dei figli, non riuscendo ad immedesimarsi in un vissuto solo per sentito dire. La genitorialità, non legata alla procreazione, bensì alla capacità di saper gestire la maternità con la giusta dose affettiva, richiesta dall’adolescenza. Il mio libro, spero possa essere esempio per tanti, a dimostrazione che si può farcela nella vita, anche quando sembra che il mondo crolli addosso, com’è avvenuto nella mia esistenza.” Di lutti e dolori, che inchiostrano la cronaca quotidiana, come ricordato in apertura dal sindaco Francesco Benincasa, ancora tanti, che lasciano vuoti incolmabili. Esempi di vita autorevoli, devono essere raccontati. “L’Amministrazione, ben lieta d’ospitare tale momento- ha aggiunto l’assessore alle Pari Opportunità Antonella Raimondi-in quanto le violenze che tanti vivono, non vengono raccontate per ritrosìa a volte o per tema di non esser capiti.” “In un Comune che strizza l’occhio al turismo- ha aggiunto il vicesindaco Marcello Civale- anche riflettere sul valore dei sentimenti, della sopravvivenza dinanzi al pericolo, fondamentale per vivere civicamente la realtà sociale.” Un modo di’interrogarsi sul valore dei balocchi, sul senso del tempo che passa- ha concluso la Lupo- e che non sempre affoga il suo cursore nella voglia di vivere serenamente i giorni, come attestato dalle slide realizzate dallo scenografo e grafico Franco Autuori, che hanno flashato alcuni momenti di vita vissuti dalla Fasano, per rendere ancora più vividi i ricordi e lasciare il senso del tempo fluido, sul quale spesso si lascia scivolare il mouse, senza poterlo arrestare!Foto: Nino Alotti

  

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.