Home » • Salerno

Salerno: PDL, nuovo patto generazionale

Inserito da on 15 gennaio 2013 – 06:002 Comments

Una proposta di legge che il nuovo esecutivo, una volta costituitosi subito dopo le elezioni del 24 e 25 febbraio, potrà considerare è la seguente: un “patto generazionale” che consentirà ai lavoratori prossimi alla pensione di  passare la mano ai propri figli. Per porre un freno alla disoccupazione giovanile, sarebbe opportuno ipotizzare una staffetta tra generazioni. Si tratta della possibilità per un lavoratore “anziano” di  lasciare il posto di lavoro a determinate condizioni ai propri figli. Quello che si prospetta è un patto tra le generazioni, un accordo attraverso il quale i lavoratori più anziani accettano di fare spazio ai più giovani, anche a costo di cedere il proprio lavoro ed altri diritti acquisiti. Il provvedimento prevede la possibilità di concludere un accordo tra cinque attori diversi: soggetti pubblici, enti previdenziali, imprese, lavoratori anziani, lavoratori giovani. Cosa dovrebbe accadere, il lavoratore “anziano” accetta di andare in pensione rinunciando al TFR maturato e ad una decurtazione della pensione di un 20%; il lavoratore giovane viene assunto con contratto di apprendistato o a tempo indeterminato. L’idea di un patto tra generazioni è certamente una prospettiva, anche etica, di grande respiro, che si auspica possa sostenere azioni concrete per disegnare una società più equa e più inclusiva. Questa nuova legge dovrebbe consentire di assicurare la salvaguardia dei livelli di occupazione per le nuove generazioni e di mantenere, contemporaneamente, condizioni di reddito accettabili per le fasce di popolazione meno giovani. Prendiamo, ad esempio, il Comune di Salerno: qui abbiamo 226 dipendenti (18,61%) sui 1214 in organico che superano i 60 anni, addirittura 686 dipendenti (56,50%) che superano i 55 anni e quasi tutti genitori di figli maggiorenni disoccupati. Questa nuova normativa, applicata al Comune di Salerno, permetterebbe a circa 1000 giovani disoccupati di trovare lavoro. Si tratta di una proposta ancora molto complicata da applicare, ma è pur sempre un primo passo per migliorare l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro. La legge 92/2012 che ha introdotto la riforma del mercato del lavoro non è riuscita a ridurre la disoccupazione e a correggere quelle deformazioni strutturali che impediscono a migliaia di giovani di trovare lavoro e di essere “mobili” sul mercato. Da uno studio dell’Ocse  sui flussi mensili tra disoccupazione ed occupazione, l’Italia è emersa come il Paese con il tessuto produttivo più vischioso poiché la mobilità dei lavoratori riguarda per lo più chi un lavoro lo ha già.

2 Comments »

  • gino scrive:

    E quindi secondo te, un lavoratore dopo una vita di sacrifici dovrebbe rinunciare al tfr e vedersi pure ridotta la pensione? e secondo te questo sarebbe un modo per ridurre la disoccupazione?
    certo voi berlusconiani pensate sempre a guardare i vostri interessi
    w la famiglia, w i privilegi per pochi e sempre gli stessi

  • RAGAZZA MADRE NAPOLI scrive:

    partendo che schifo tutti i politici , nel 2009 votavo due persone Cesaro alla provincia di Napoli e Rivellini al parlamento europeo …non hanno fatto niente di niente … berlusconi l’ho votato ,….ma dice le solite bugie !!!!io stavolta forse voto Grillo

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.