Home » Sport

Settima vittoria di fila: la Salernitana liquida anche il Chieti

Inserito da on 13 gennaio 2013 – 00:01No Comment

Maurizio Grillo

La Salernitana saluta la prima giornata casalinga (3-1) del 2013 con l’ennesima vittoria, la settima di fila. Stavolta la vittima sacrificale della corazzata granata è il Chieti di mister De Patre, compagine giovane, dalle buone individualità, tra le sorprese del campionato, ma incapace di tenere testa ad una squadra che viaggia ad un’altra velocità. La superiorità tecnica e fisica della compagine allenata da mister Perrone è davvero disarmante: i granata sembrano essere in grado di affondare il colpo non appena lo desiderano. Neanche un campo ridotto ad una risaia da una pioggia caduta battente, specialmente nella prima parte delle seconda frazione di gioco, ha impedito ai campani di ordire trame di gioco godibili e di offrire uno spettacolo degno di tal nome ai 3961 stoici tifosi presenti sugli spalti dell’Arechi. Bella prova per Iannarilli che, nonostante abbia visto cadere la propria imbattibilità personale, ha consentito alla squadra di raccogliere i tre punti, disimpegnandosi egregiamente sia in uscita, laddove ha preferito respingere con i pugni anziché bloccare a causa delle avverse condizioni climatiche e del terreno di gioco, sia tra i pali. Il numero uno granata merita un encomio per il miracolo compiuto sul tiro di De Sousa perché un eventuale realizzazione avrebbe riaperto la gara. La diga difensiva composta da Luciani (poi spostato a destra dopo l’ingresso di Tuia), Molinari e Rinaldi ha disputato una prova egregia. L’intero pacchetto arretrato ha  assolto in pieno il proprio compito: l’unico neo di giornata è l’azione del gol subìto quando Molinari si è lasciato superare in velocità da De Sousa e Alessandro era troppo solo in area al momento di ricevere palla per depositare in rete nella porta sguarnita. In mediana Montervino ha giocato la solita gara diligente, ben orchestrando le manovre sull’out di destra, coprendo anche la posizione a Mounard, resosi spesso protagonista di folate offensive, nonostante sia stato schierato da interno in un centrocampo a 5. Proprio il francese è risultato tra i migliori in campo quest’oggi: è stato sfortunato in occasione del palo preso in avvio (il secondo colpito consecutivamente dopo quello di settimana scorsa), ha giocato ancora una volta da grande calciatore. Gli manca solo il gol, ma presto arriverà. Perpetuini ha fatto girare la squadra con la solita maestria ed al pari di Mancini, buona prova anche per lui, ha offerto una gara di sostanza e di qualità. L’unica pecca della sua prestazione è il giallo che gli costerà la squalifica in vista del prossimo impegno esterno con l’Aversa Normanna. Piva ha dimostrato anche quest’oggi di essere un bel giocatore e di avere anche un bel piedino, pennellando cross precisi a gogò. In avanti Gustavo, il cui impiego aveva fatto storcere il naso a molti poiché si pensava che avrebbe potuto soffrire le condizioni non ottimali del campo, ha dato ragione a Perrone. Il brasiliano è, infatti, tornato alla rete, rivelandosi freddo a tu per tu con Feola e mostrando d’avere una buona intesa con il proprio partner d’attacco Guazzo. “Il Principe della rete” ha raggiunto la doppia cifra, siglando una doppietta di fattura pregevole. La punta ex Taranto, davvero un lusso per la Seconda Divisione, ha beffato il portiere teatino con due pallonetti d’autore. Sufficienza per Tuia, senza voto Ricci e Topouzis. La Salernitana raccoglie, dunque, il diciassettesimo risultato utile consecutivo. Con Perrone in panca i granata hanno raccolto 42 punti in 16 gare: un’andatura a mille che, se confermata nelle prossime gare, potrebbe consentire ai granata di festeggiare la promozione in Prima Divisione con diverse giornate d’anticipo.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.