Home » • Valle dei Picentini e Piana del Sele

Eboli: successo per Festival Internazionale Chitarra

Inserito da on 28 maggio 2012 – 02:53No Comment

 Dal 18 al 20 maggio 2012 si è svolto scorso ad Eboli il Festival della chitarra “Dalla Via del Grano alle Vie del Mondo”, organizzato dall’Associazione “EboliMusica” e dall’Associazione  “La Via del Grano”, con il Patrocinio della Provincia e del Comune di Eboli e il Museo archeologico di Eboli,. Al Festival hanno collaborato diverse Associazioni e soggetti privati (Strumenti musicali De Luca, Associazione “SitiArte”, I.C.”G. Romano”, Centro Commerciale “Le Bolle”, Associazione “Evoli”, Liceo artistico “C.Levi”). Il giorno 18 si è tenuta la 4^ Rassegna delle Scuole secondarie di I e II grado ad indirizzo musicale, che si è svolta nel suggestivo scenario della chiesa di San Francesco ed a cui hanno partecipato scuole provenienti dai paesi della Via del Grano. Il giorno 19 il Festival è proseguito con un concerto del giovane chitarrista ebolitano Giuseppe Zinna e  con un interessante e seguitissimo Convegno sul tema “La Musica : Itinerari e futuro”, tenutosi nell’Aula Magna del l’I.C. “G.Romano”, a cui hanno partecipato il M° Ciro Fiorentino( referente nazionale Co.Musica), il M° Laurent Boutros (concertista-compositore francese ), il M° Antonio Grande (concertista e didatta), il Dott. Antonio Lepre(dirigente scolastico Liceo Musicale Alfano I di Salerno), la Dott.ssa  Giovanna Scarano (direttrice del Museo archeologico nazionale di Eboli), il sig. Liberato Buccella (Presidente Associazione “La Via del Grano”), Dott.Rosario Coccaro (dirigente scolastico Istituto comprensivo ad indirizzo musicale “G.Romano” di Eboli). Al pomeriggio nel Museo archeologico si è aperta la Mostra di pittura dell’Associazione SitiArte, guidata dall’artista Maria Astone, che ha visto la partecipazione dei piccoli e grandi artisti che costituiscono l’Associazione(Isidoro Di Luna, Mimmo Maglio, Cristian Formato, Emilio Pisaturo ,Daniela Galiano ,Maria Astone ,Stefano Gori , Damian Maiorano ,Raffaele Iula , Linda Petrone ,Tiziano Marra ,Alessio Vargiu ,Chiara Polino , Jennifer Palo, Andrea Verderame , Simone Verderame , Jacopo Giudice , Francesca Cavallo , Giorgia Iania ,Massimo Palladino ); si è altresì tenuta un’esposizione a cura di Strumenti Musicali De Luca con la prova delle chitarre Cuenca e dei diffusori SR e la Mostra  del Liceo Artistico “C.Levi”. Il pomeriggio si è aperto con l’appuntamento ” I giovani e la chitarra” a cui hanno partecipato Alberto Falcione e Giuseppe Zinna; si è proseguito con il M° Ciro Fiorentino che ha presentato il suo libro “Una chitarra per me”; durante la presentazione hanno suonato i giovani chitarristi Silvia De Giuseppe, Alfonso Andrés Del Plato, Giuseppe D’Ambrosio, Rosario La Regina, Cosimo Niglio, Vittorio Bonavoglia, Giancarlo Lardo. In serata si è poi tenuto l’atteso ed applauditissimo concerto del Duo francese Caroline Pershall e Laurent Boutros nella Chiesa di San Lorenzo, dove il pubblico è rimasto affascinato dalle melodie struggenti e dalla ritmica tipica delle composizioni di influenza caucasica di Laurent Boutros. Domenica 20 maggio, in mattinata, lo scenario del Festival cambia totalmente (questo a conferma di quanto perseguito dal direttore artistico, il Maestro Giuseppe Del Plato, cioè creare un Festival adatto alle diverse esigenze musicali degli ascoltatori, spingendoli gli uni verso gli altri, al servizio della cultura e della poliedricità della formazione musicale attuale) e si tiene uno spumeggiante concerto mattutino al Centro Commerciale “Le Bolle”, con il Trio Acoustic (Aniello Palomba, Riccardo Schmitt e Pasquale Panico ) che eseguono un repertorio internazionale . Al pomeriggio nel Museo archeologico è la volta del chitarrista Roberto Fabbri, che prima tiene un1 affollata Masterclass con i giovani chitarristi provenienti da diverse città, poi, in concerto, esegue un repertorio che incanta il numeroso pubblico accorso per ascoltare il famoso chitarrista classico che con le sue composizioni avvicina il mondo della classica agli altri generi. A conclusione dell’intensa tre giorni, in presenza delle telecamere della trasmissione “Bellitalia” in onda sabato 26 alle ore 10 su Rai 3 ed alle ore 12 nel Settimanale di Rai 3 Basilicata, sono stati assegnati i Premi “La Via del Grano “. Maria Rosaria Sica ha introdotto l’assegnazione del premio (un’artistica ceramica della Collezione “Riflessi” di Diana Naponiello) intitolato all’antica arteria borbonica che partiva da Eboli per giungere a Melfi e poi proseguire in territorio pugliese, con direttive verso i percorsi dei pellegrini: Gerusalemme e Santiago de Compostela. Il riconoscimento è andato a illustri concertisti e personalità che hanno operato alla divulgazione de “La Via del Grano”. Per il settore musicale è stato assegnato a tre maestri chitarristi di fama internazionale, il lucano Giovanni Grano, originario di Rionero in Vulture, Roberto Fabbri di Roma e Ciro Fiorentino di Milano. Nella motivazione si legge “per l’importante attività concertistica e didattica svolta in ambito internazionale ”. Per l’opera di divulgazione ai giornalisti Rocco Brancati e Oreste Lopomo, “per l’ampia attività svolta nella realizzazione di servizi televisivi su RAI 3 Basilicata e in nazionale”. A Franco Cacciatore, “che all’impegno profuso in qualità di giornalista ne ha unito, negli anni, altrettanto nelle cariche  di Presidente della Pro Loco di Melfi e Assessore alla Cultura del centro lucano”. A Giuseppe Fresolone “per l’ampia attività divulgativa”. Infine a Damiano Faccenda, anima infaticabile e scopritore della Via del Grano, per l’infaticabile opera di sensibilizzazione e ricerca storica svolta alla riscoperta de “La Via del Grano” . L’assegnazione del premio è stata, come detto, la conclusione del Festival Internazionale dedicato alla chitarra, svoltosi in una tre giorni ricca di eventi che hanno riscosso un particolare successo di pubblico e di critica. L’assegnazione del premio è stata, come detto, la conclusione del Festival Internazionale dedicato alla chitarra, svoltosi in una tre giorni ricca di eventi che hanno riscosso un particolare successo di pubblico e di critica. Vera anima dell’iniziativa nella veste di direttore artistico, il Maestro Giuseppe Del Plato, chitarrista di rilievo internazionale che unisce  l’ intensa attività concertistica in Italia e all’estero ad un appassionato impegno didattico. 

 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.