Home » >> Politica

Salerno: Iannone “Pd che solitamente non sa di cosa parla, questa volta parla senza sapere”

Inserito da on 25 maggio 2012 – 05:48No Comment

Il vicepresidente della Provincia, Antonio Iannone, replica alle dichiarazioni dei consiglieri del gruppo consiliare del PD. “Le dichiarazioni del PD sono sempre più grevi: da perfetti ignoranti (nel senso che non conoscono i fatti) si avventurano in letture degli accadimenti del pomeriggio di martedì 22 maggio 2012 nello spazio antistante Palazzo Sant’Agostino che hanno visto coinvolti un fotografo e un dipendente della Provincia di Salerno. Il PD, invece, fa finta di ignorare che esistono versioni contrastanti dei “protagonisti” e naturalmente sposa la versione di convenienza. Si prende a pretesto la confusione degli svolgimenti per scatenare una gazzarra mediatica finalizzata alla lotta politica verso il presidente Cirielli e gli uomini del PdL. Voglio comunicare che l’Amministrazione provinciale, a tutela del suo decoro e per rispetto del codice etico a cui i dipendenti sono richiamati, ha prontamente svolto una indagine interna (nonostante i fatti siano accaduti fuori dal palazzo e fuori dall’orario di lavoro) nel corso della quale ha assunto dal dipendente coinvolto la denuncia che lo stesso ha sporto contro il fotografo e non ha mancato di acquisire le testimonianza di altre persone che hanno assistito al deprecabile fatto. In attesa delle risultanze delle indagini della magistratura, a cui rimandiamo le determinazioni, l’Amministrazione conferma il suo impegno affinché la legalità e i comportamenti civili siano sempre assicurati. In merito alla violenza verbale del comunicato del PD e per l’utilizzo, nello stesso, di termini assolutamente inappropriati e lesivi (raid squadristico e mazzieri del presidente Cirielli), l’Amministrazione a tutela del suo onore procederà a una denuncia-querela nei confronti del gruppo provinciale del PD. L’Ente Provincia non è e non sarà mai una sede di Partito, l’Ente Provincia, da quando è Presidente l’On. Cirielli,  non è più il bancomat attraverso il quale finanziare lautamente diverse attività (dalle foto istituzionali alle missioni di viaggio) schiaffeggiando i portafogli dei Cittadini. Il PD è un pulpito improbabile perché immemore di gravissimi accadimenti che in un passato recente hanno visto protagonisti propri dirigenti o uomini appartenenti a strutture di loro competenza gestionale. Procedendo a ritroso citerei: l’aggressione di Savastano (un assessore del Comune di Salerno che in pieno giorno affiggeva manifesti abusivi del suo Partito) ai danni del Coordinatore Provinciale del PdL, Antonio Mauro Russo; l’aggressione della Candidata Antonella Buono ad opera di dipendenti di qualche municipalizzata del Comune di Salerno; l’aggressione avvenuta in occasione di un Congresso dei giovani del PD sempre ad opera di dipendenti di municipalizzate del Comune di Salerno. Non abbiamo mai letto di scuse e di provvedimenti del Sindaco De Luca e del suo sparviero Nicola Landolfi. Sarebbe opportuno, a fatti definitivamente acclarati, andare a verificare se questi identificati personaggi risultano iscritti al PD nel suo tesseramento congressuale 2009-2010 senza far mancare il raffronto di cognomi e nomi con eventuali iscrizioni nel casellario giudiziario. Confidiamo, nella speranza di non essere delusi, nell’attenzione di una stampa libera che in quanto tale non può consentirsi distrazioni ed omissioni.”

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.