Home » Curiosando

L’ Enkir: antico tesoro ritrovato

Inserito da on 29 marzo 2012 – 00:00No Comment

Giovanna Bergamasco

L’ Enkir, considerato il padre dei cereali, cresce ancora oggi in alcune zone della mezzaluna fertile (Turchia e Iran) ed è ritenuto una delle specie fondamentali per la nascita dell’agricoltura moderna. E’ resistente ai parassiti e viene considerato il vero cereale biologico ed inoltre ha una buona quantità di carotenoidi che sono ottimi antiossidanti. Con la farina di Enkir si produce il pane azzimo, un tipo di pane preparato con farina di cereali e acqua come gli altri pani, ma senza lievito.. C’è stato un tempo in cui era l’unico pane conosciuto dall’umanità ma in seguito la sua preparazione si evolse. Il pane azzimo si elaborava con farina integrale, e si cuoceva mettendo l’impasto su pietre arroventate o cenere calda. Ancora oggi molti continuano a preparare il pane azzimo sia per motivi di praticità, essendo più facile nella preparazione, che per motivi religiosi e dietetici. Il pane azzimo è pertanto utilizzato come pane tradizionale in molte località anche in Italia ed inoltre quando si abbia la necessità di conservarlo per lunghi periodi di tempo. L’uso del pane azzimo è importante nella religione ebraica perché gli ebrei lo mangiano durante la settimana pasquale, celebrata in ricordo dell’uscita del popolo israelita dall’Egitto.. La Farina di tipo Enkir è prodotta dalla famiglia Marino, proprietaria dell’omonimo Mulino Marino che si trova a Cossano Belbo, in provincia di Cuneo. Particolarità del Mulino Marino è quella di essere specializzato nella macinazione a pietra e a cilindri: una vera e propria arte alla quale la famiglia Marino dedica passione ed esperienza. Alla base del successo di questa antichissima lavorazione è la martellatura delle grandi pietre circolari francesi, necessaria per non abbrustolire le farine. Progressivamente si ottiene la levigatura verso l’esterno dei cereali antichi, che provengono tutti da coltivazione biologica.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.