Home » • Salerno

Salerno: Cisl, blocco mobilità infermieri

Inserito da on 15 marzo 2012 – 06:245 Comments

 “Che Caldoro e la sua giunta siano in piena confusione è ormai una evidenza acclarata nei fatti e nella sostanza, ma quando la incertezza e la improvvisazione si eleva a governo della vita altrui, allora vuol dire proprio che lo scenario concreto della gestione politica del nostro territorio ha assunto i toni di una farsa ovvero di una propria sceneggiata della peggior specie. Il decreto con cui il Presidente della Regione Campania, nelle veci di Commissario ad Acta, ha sospeso i processi di mobilità in atto, creerà sicuramente numerosi ricorsi legali, atteso che nel mentre sospende i processi esclusivamente per quei lavoratori che hanno beneficiato solo del nulla osta dell’azienda di destinazione, viene applicato in maniera indifferenziata per tutti i lavoratori che invece oltre ad avere l’assenso al trasferimento dall’azienda di destinazione, hanno avuto regolare nulla osta anche in uscita. Ne deriva quindi la legittimità degli operatori interessati a poter ricorrere con urgenza ex art. 700 al giudice che sicuramente ravviserà il “fumus boni iuris” e il “periculum in mora”. Siamo di fronte alla grottesca utilizzazione del proprio potere politico contro ogni logica e norma regolamentante gli istituti contrattuali. Altra logica forse più politicamente corretta avrebbe suggerito di non bloccare le mobilità e favorire di contro procedure di nuove assunzioni. Ma forse in questa regione sta accadendo quanto sosteneva “Roosevelt”: La vera libertà individuale non può esistere senza sicurezza economica ed indipendenza.  La gente affamata e senza lavoro è la pasta di cui sono fatte le dittature.” (Pietro Antonacchio)

 

5 Comments »

  • marino pasquale scrive:

    Posso sapere quando è stato pubblicato e su quale burc il decreto di Caldoro ?

  • salvo scrive:

    solo sdegno, peccato essere nati nela parte sbagliata d’italia non per i cittadini ma per gli uomini che ci governano

  • carmine scrive:

    Un (grazie) a chi ci governa , intanto da cinque anni aspetto di riavvicinarmi alla mia famiglia , cari politici ladri spero e prego Dio che possiate patire le piu’ brutte sofferenze che esistono al Mondo , la colpa e’ solo vostra e dei vostri ladrocini se la sanita’ campana fa discutere in modo negativissimo l’Italia e tiene lontano dagli affetti piu’ cari gente come me costretta a stare per un miserabile stipendio a mille km da dove e’ nato.

  • Maria scrive:

    Cari politici non è ora di smetterla e dare dignità al nostro sud? Siamo gente perbene,costretti a star lontani dalle proprie famiglie e dalle proprie radici perchè voi politici non siete in grado di amministrare le nostre Regioni. Intanto le vostre tasche sono strapiene di soldi che sono patrimonio di un bene pubblico diventato impropriamente privato . Ridateci la dignità di essere fieri cittadini di un sud che sa farsi valere,che sa dimostrare una storia fatta di valori e non solo di camorra e di clientelismo. Sono 20 anni che lavoro per la sanità del nord,e ringrazio la regione che mi ospita perchè mi ha insegnato che i diritti dei cittadini e lavoratori sono intoccabili. Aprite le mobilità,siamo tanti infermieri che aspettiamo di ricongiungerci con i nostri familiari e trovare una stabilità di vita. Smettete di tenere in piedi lazzaretti al posto di ospedali. Imparate dalle Regioni che funzionano come si gestiscono le pubbliche amministrazioni e smettetela di appropriarvi di cose che appartengono al popolo. E’ ora di smetterla!Vergogna!

  • Alfonso scrive:

    E siamo nel 2013 altro decreto Caldoro ha bloccato le mobilità intraaregionali
    Sono un infermiere pendolare che era riuscito ad avere il trasferimento vicino casa, ma in ultimo questa cosa infame mi ha tagliato le gambe.
    Ora sto a casa in malattia con crisi d’ansia.
    Manovre politiche che invadono la libertà dei cittadini.
    Grazie della dittatura

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.