Home » Senza categoria

Napoli: a La Perla “Nella Cenere” moderna Cenerentola diretta da Giovanna Facciolo

Inserito da on 5 marzo 2012 – 00:26No Comment

Nella cenere, moderno allestimento della fiaba di Cenerentola, prodotto da I Teatrini per La Scena Sensibile, ideato e diretto da Giovanna Facciolo, sarà di scena martedì 6 e mercoledì 7 marzo (alle ore 10) al Teatro La Perla di via Nuova Agnano a Napoli. Dalla famosa scarpetta ad un mare di scarpe, così si presenta la scena ideata da Roberto Crea per lo spettacolo interpretato da Adele Amato de Serpis, Valentina Carbonara e Cristina Messere, con i costumi di Elena Cavaliere e Stefania Virguti, le luci di Paco Summonte, il suono di  Alessandro Messina. Scarpe dappertutto, per terra, sospese, impigliate in grandi ragnatele, da riordinare, da pulire, da provare,  da tenere nascoste, da inseguire, da calzare per tessere magicamente il vestito per andare al ballo. Cenerentola è la fiaba più diffusa nel mondo. Ne esistono infinite versioni, da quella notissima di Charles Perrault, a quella cinese, che sembra essere la più antica, a quelle che la tradizione popolare, assimilando e stratificando nel tempo l’argomento, ha poi arricchito di inediti elementi, in piena discontinuità culturale, come nel caso de “La Gatta Cenerentola” ricostruita attraverso le sue numerose varianti campane e portata in scena con planetario successo da Roberto De Simone. Una ricchezza di fonti e, conseguentemente, di stimolo a molteplici suggestioni tradotte da Giovanna Facciolo in questo allestimento dedicato ad un pubblico variamente composto di bambini ed adulti. “La nostra Cenerentola – sottolinea la regista Giovanna Facciolo – vive nella polvere, dorme arrotolata nel pentolone del focolare e sogna. Sogna di andare al ballo, di uscire da un inferno in cui ha perso tutto: la madre, l’amore del padre, la spensieratezza e l’agio in cui viveva, persino il nome”. La pièce mette in scena il desiderio di riscatto della ragazza, esausta dopo tante angherie subite soprattutto dalle due terribili sorellastre. “Queste ultime in particolare – continua la regista – la costringono a sottostare ad ogni loro volere, sfruttandone la debolezza secondo le regole del sempiterno bullismo che, in ogni epoca, ruba ed umilia ciò che non ha. Attraverso la leggerezza tipica del teatro per l’infanzia, parliamo ai piccoli di valori universali”.  Lo spettacolo è programmato da La Scena Sensibile, rassegna di teatro per ragazzi, organizzata per il sedicesimo anno consecutivo dall’Associazione I Teatrini, con il sostegno di Regione Campania e Comune di Napoli, in collaborazione con l’Università degli Studi Federico II, il Teatro La Perla e l’Orto Botanico.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.


sette × = 21