Home » >> Sanità

Sindacato Medici Italiani: no alle fughe in avanti della FIMMG

Inserito da on 4 febbraio 2012 – 06:21No Comment

“No alla fuga in avanti della Fimmg”. Il Sindacato medici italiani (Smi) non aderisce allo sciopero dei camici bianchi, dal 9 al 12 febbraio, e stigmatizza la Federazione italiana medici di famiglia (Fimmg) che ha deciso “in splendida solitudine” di incrociare le braccia senza discuterne in una riunione intersindacale. La scelta dello Smi é stata presa nell’ultima direzione nazionale presieduta da Giuseppe del Barone. “Riconfermo l’impegno con le altre sigle sindacali per difendere con tutte le forze l’autonomia dell’Enpam (Ente nazionale di previdenza e assistenza medici e odontoiatri) – dice il vicesegretario nazionale, Luigi De Lucia – Ma stigmatizzo le fughe in avanti della Fimmg che proclama da sola lo sciopero senza alcuna condivisione con gli altri sindacati. Saremo invece – continua De Lucia – al fianco degli altri liberi professionisti nella manifestazione organizzata dall’Adepp (Associazione degli enti previdenziali privati) del primo marzo a Roma”. Sulla questione Enpam, prosegue comunque la battaglia del Sindacato medici italiani che nelle settimane scorse ha chiesto un incontro con il ministro del Lavoro Elsa Fornero. “Attuare una riforma è importante – dice De Lucia – l’attuale statuto dell’Enpam è datato e non risponde a criteri di rappresentatività propri di un ente privato in cui i medici, oltre a essere contribuenti, sono di fatto anche soci-azionisti. Una mancata riforma e una gestione poco trasparente potrebbero provocare un commissariamento della cassa dei medici e, chissà, come già avvenuto per l’Inpdap, un assorbimento nell’Inps”.

 

 



Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.