Home » Regione

Regione: soppressione tribunale Sala Consilina Valiante scrive a Ministro Giustizia

Inserito da on 31 gennaio 2012 – 06:55No Comment

Il presidente della Commissione regionale d’inchiesta anticamorra, Gianfranco Valiante, ha scritto al Ministro della Giustizia, Paola Severino, per sollecitare un incontro con i sindaci del Vallo di Diano e i rappresentanti del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, affinché si possa affrontare e risolvere la vicenda riguardante la paventata chiusura del Tribunale di Sala Consilina. “Grave preoccupazione” è stata espressa dai sindaci del territorio del Vallo di Diano e dal presidente del Consiglio dell’Ordine, in occasione della seduta della Commissione Anticamorra tenutasi proprio a Sala Consilina la scorsa settimana. “La soppressione del Tribunale – spiega Valiante nella lunga ed articolata missiva indirizzata al Ministro – da sempre insostituibile deterrente contro la criminalità  e presidio di legalità in una vasta area che fa da cerniera tra la Campania e la Calabria, determinerebbe una riduzione della presenza dello Stato e delle Autorità in un territorio che, per la sua posizione strategica, è particolarmente appetibile alle organizzazioni criminali. A ciò va aggiunto – continua il presidente della Commissione anticamorra – che la chiusura degli uffici creerebbe notevoli disagi alla popolazione del luogo che sarebbe costretta, per tutelare i propri diritti, a recarsi al Tribunale di Salerno a sua volta già pesantemente oberato di lavoro e strutturalmente inadeguato ad ospitare il personale proveniente da Sala Consilina. Stesso problema si verificherebbe – precisa Valiante – in caso di accorpamento del presidio al Tribunale di Vallo della Lucania”. “Peraltro – continua la missiva – il Tribunale di Sala Consilina è certamente, dei presidi giudiziari della Campania, uno di quelli che maggiormente ha dato impulso all’innovazione legata alla diffusione del processo civile telematico, dimostrandosi particolarmente attento ad ogni iniziativa volta a migliorare il servizio giustizia. Pur comprendendo – dice Valiante – che è necessario, per esigenze di bilancio, razionalizzare l’organizzazione degli uffici giudiziari, è bene evidenziare che in una regione come la Campania, con un’altissima presenza di organizzazioni criminali e di costanti attività microcriminali, la valutazione sulla chiusura di un presidio giudiziario non può rispondere solo ed esclusivamente a criteri di economicità ed efficienza, ma deve tener assolutamente conto che un Tribunale rappresenta un riferimento ed un baluardo per la popolazione”.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.