Home » • Salerno

Salerno: Federconsumatori sui tagli nel Trasporto Pubblico

Inserito da on 25 marzo 2011 – 05:552 Comments

Si interroga sulle vere ragioni alla base dei tagli regionali al Trasporto Pubblico, il presidente di Federconsumatori Salerno, Peppe Sorrentino. “Puntano a mettere gli utenti, i lavoratori, il turismo e l’economia del nostro territorio in ginocchio, oppure esistono altre ragioni ignote che hanno portato la Regione ad effettuare i nuovi tagli alla Cstp e al settore Trasporti Pubblici in genere ? – chiede, amareggiato, Sorrentino – Il Governo Regionale non può non rispondere a queste domande.” I nuovi tagli alla Cstp e lo sciopero degli autisti, rappresentano, per Sorrentino, soltanto la punta di un iceberg: “Non c’è giustificazione che tenga per i nuovi tagli regionali – continua il presidente – Oggi, alla nostra provincia, dove occorre un aumento del 30% delle corse dei bus, la Regione risponde con un taglio delle corse pari al 20%, mettendo in ginocchio i pendolari che ogni giorno percorrono centinaia di chilometri per creare sviluppo e, più, in generale, tutti i cittadini che viaggiano su mezzi pubblici.” Una vera e propria bomba atomica lanciata sul nostro territorio, rappresenta per Sorrentino l’ultimo taglio: “Dopo l’aumento dei pedaggi sulla A3, la benzina arrivata a costare oltre 1,60 €/lt, prezzo più alto di Europa, la Campania subisce l’ennesima scelta empia e barbara del Governo – sottolinea  – Tagliare fondi al Trasporto Pubblico, equivale a impedire lo sviluppo turistico ed economico della nostra area geografica, caratterizzata da una conformazione particolare: il Sud della nostra provincia che registra la densità più bassa d’Europa, è condannato all’isolamento con la diminuzione delle corse.” L’aumento dei costi della mobilità individuale e i tagli sul trasporto pubblico, dunque, mieteranno vittime tra le fasce deboli, quali studenti e anziani, apportando preoccupanti conseguenze anche al mondo universitario. “Con la crisi dei trasporti pubblici -  conclude Sorrentino – L’Università prevede una contrazione delle iscrizioni pari al 30%: si tratta di percentuali assolutamente allarmanti.”

2 Comments »

  • Marisa scrive:

    vorrei sapere questo scipero per quanto tempo si terrà?
    le corse sono ferme fino a quale giorno?? c’è una fine?? grazie

  • rosa sabato scrive:

    Salve a tutti. A Salerno una decina di persone si è incontrata per attivarsi come gruppo “trasporto pubblico – bene comune”. Si è stabilito di organizzare una prima iniziativa sabato 9 aprile, alla quale vi invitiamo a partecipare.

    Ci vedremo alle ore 16.00 in piazza M. Grasso (Mercatello) per sensibillizzare tramite volantinaggio i cittadini sull’aumento dei biglietti e la diminuzione delle corse, muovendoci a piedi e sui bus, in varie tappe (corrispondenti alle fermate cstp), fino ad arrivare a piazza Ferrovia alle 18,30-19,00, dove si terrà un presidio fino alle ore 20,00.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.