Home » • Cilento e Vallo di Diano

Corleto Monforte: bilancio di 5 anni amministrativi

Inserito da on 25 marzo 2011 – 02:54No Comment

Con la prossima tornata elettorale giungerà al termine il primo mandato da sindaco per Antonio Sicilia, primo cittadino di Corleto Monforte. Mentre ci si prepara alla campagna elettorale, che tuttavia non dovrebbe riservare spiacevoli sorprese agli amministratori uscenti, si fa il bilancio di quanto fatto e di quanto investito sul territorio in termini di impegno e di risorse. Per quanto riguarda i lavori pubblici, nei cinque anni di amministrazione sono stati programmati 6.630.920,19 euro: sono stati realizzati 21 interventi per importo speso pari ad € 1.933.071,52; 2 opere sono state già appaltate per un importo pari a € 195.000,00; inoltre sono in corso di espletamento con procedura di appalto 6 opere per un importo di €. 1.326.851,78; inoltre un progetto, dalla spesa di € 1.370.185,00, è in corso di perfezionamento la procedura di appalto, e infine 6 progetti sono cantierabili per un importo pari ad € 1.805.811,89. Dalla casa comunale fanno sapere che durante il mandato Sicilia sono stati liquidati €348.757,69 per i contributi relativi alla L.219/81 – Fondi per i Terremotati. Importante anche il capitolo riguardante le risorse finanziarie ottenute dal PSR 2007- 2013, da molti spesso definito l’ultimo treno per aspirare allo sviluppo del Meridione: il comune di Corleto Monforte ha saputo dunque cogliere l’opportunità offerta da questo importante strumento finanziario potendo contare su un finanziamento di € 266.000,00 già accreditati presso la Tesoreria Comunale, nell’ambito delle Misure 211, 214 e 225; ci sono poi € 705.000,00 per le misure 211, 214 e 225, equivalenti a  finanziamenti spettanti per le successive annualità; infine è pari a € 120.000,00 il finanziamento per l’acquisto Scuolabus. Le opere pubbliche sono state al centro dell’attenzione, dunque, ma non sono state l’unica priorità per Antonio Sicilia e la sua squadra, composta dal vicesindaco Carmine Palese che è anche assessore alle Politiche Sociali, Eugenio Di Ruberto, Filippo Ferraro, Arsenio Mangieri, Angelo Moliterno, Camillo Pignataro e Giuseppe Ruberto. Molto è stato fatto per quanto riguarda le politiche sociali per le quali è stata spesa una cifra pari a € 243.903,84. E’ di qualche anno fa la lungimirante scelta di acquistare un defibrillatore a servizio della popolazione e di promuovere corsi di formazione per il suo utilizzo, oltre a varie manifestazioni nel campo sanitario. In considerazione del gran numero di persone immigrate che vivono sul territorio è stato recentemente aperto lo sportello per gli immigrati; per gli anziani è stato promosso il progetto “Nonno Civico”, utile per impegnare e responsabilizzare persone ancora utili alla società ma spesso sole; è stata poi realizzata una capillare attività di assistenza domiciliare. Altri provvedimenti riguardano le borse lavoro e l’assegno civico, le gite per anziani e per ragazzi e le cure termali per anziani. Altro settore che ha richiesto un grande investimento di impegno e risorse, specie in questi ultimi 5 anni contraddistinti anche dall’emergenza rifiuti che ha attanagliato a lungo la regione Campania e che ancora adesso crea problemi nelle aree metropolitane della regione, è la raccolta differenziata: il comune di Corleto Monforte è riuscito in breve a raggiungere una percentuale del 60%, utilizzando il metodo del “Porta a Porta”.In altri settori si possono annoverare altri interventi molto importanti: il Servizio AIB, la stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili, l’approvazione del Piano di Protezione Civile, l’accreditamento per il Servizio Civile Nazionale, la Certificazione del territorio per l’agricoltura biologica; l’incentivazione alle attività esistenti alle quali è stato offerto un contributo di € 500,00, e l’incentivazione per le nuove attività con una concessione di contributi ai richiedenti. Si è provveduto all’informatizzazione di tutti i processi Amministrativi e creazione di banche dati; all’istituzione della Consulta Giovani e all’apertura di una nuova sede dotata di nuova attrezzatura acquistata con fondi regionali. Diverse attività sono in corso di programmazione per i giovani, come il Cineforum, la campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale. Ci sono poi altre attività che meritano menzione: l’istituzione di un ufficio stampa; la realizzazione di un percorso di trekking, la partecipazione alla Borsa del Turismo Archeologico, l’adesione alla giornata sulla biodiversità; e ancora attività di promozione del territorio con adesione al progetto “Gli Itinerari del Parco” realizzato nel 2010; il completamento e l’inaugurazione della nuova sede del Museo Naturalistico, e promozione di attività collaterali come la “Mostra di Zoologia Fantastica”. Da segnalare ancora il completamento e la riapertura della Cappella della Selice, il completamento degli spogliatoi del campo di calcio a cinque; la realizzazione di depliants e DVD su Corleto Monforte, oltre a momenti ricreativi, iniziative culturali, sostegno alle associazioni. Infine sono stati approvati diversi regolamenti comunali redatti internamente dai rispettivi uffici comunali: regolamento ICI; regolamento generale delle Entrate; regolamento per la disciplina della tassa per lo smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani; regolamento per le forniture, i lavori ed i servizi in economia; regolamento per l’uso del Patrimonio e del demanio Comunale; regolamento per l’uso dei parcheggi pubblici; regolamento Consulta Giovani. Cinque anni, dunque, di intesa e proficua attività, durante i quali sono stati tenuti in ordine i conti: inoltre Corleto Monforte è uno dei pochi comuni in Italia che ancora non applicano l’addizionale Comunale all’IRPEF, ed applicano l’aliquota ICI ai minimi previsti dalla legge.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.