Home » • Salerno

Salerno: sciopero nazionale somministrati Inps

Inserito da on 26 gennaio 2011 – 06:14No Comment

È stato proclamato per giovedì 27 gennaio lo Sciopero Nazionale di tutti i lavoratori in somministrazione presso l’INPS. La decisione è stata presa da NIdiL CGIL, FeLSA CISL e UIL Temp,  che hanno indetto lo sciopero e il contemporaneo presidio/manifestazione nazionale dei lavoratori che si terrà a Roma, in piazza Navona davanti al Senato, a partire dalle ore 10.30. Proprio a Palazzo Madama inizierà infatti nei prossimi giorni la discussione del “milleproroghe” (dl 225/2010), con i relativi emendamenti per modificare il decreto 78/2010, convertito nella legge 122/2010, che prevede il taglio del 50% della spesa 2009 per il personale precario nella pubblica amministrazione. Da Salerno partirà una numerosa delegazione di lavoratori somministrati, operanti presso le diverse sedi Inps sul territorio provinciale. Nella nostra provincia sono più di 50 i lavoratori coinvolti in questa partita, che rischiano di non vedersi rinnovati i contratti, mentre già una decina di loro hanno visto terminare l’esperienza di somministrati il 31 dicembre 2010. La manifestazione ha l’obiettivo di rimarcare le conseguenze negative in termini di lavoro e di servizio della riduzione drastica del lavoro in somministrazione presso l’INPS, come peraltro in tutta la Pubblica Amministrazione. Un primo sciopero dei lavoratori somministrati presso l’INPS si era tenuto lo scorso 29 dicembre, dopo la conferma da parte dell’Istituto che sarebbero stati prorogati i contratti di tutti i 1800 lavoratori somministrati presenti sul territorio nazionale. Si tratta di lavoratori che vengono spesso adibiti a funzioni ordinarie e strutturali negli uffici dell’INPS, tanto che la loro mancata presenza non potrà far altro che rallentare l’iter di pratiche pensionistiche e sociali di competenza dell’Istituto. Lo scorso 31 dicembre già 550 lavoratori sono rimasti a casa; stesso destino che attende altre 1240 persone il cui contratto scadrà il prossimo 31 marzo. Nelle scorse settimane come Nidil Salerno, in accordo con la Segreteria Nazionale CGIL abbiamo inoltre inviato una lettera ai rappresentanti delle istituzioni (presidenti di Senato e Camera dei Deputati, presidente del Consiglio, ministri del Lavoro e dell’Economia) e ai capigruppo di Senato e Camera, chiedendo di cambiare la norma, contenuta nella Finanziaria approvata lo scorso luglio, che taglia del 50% la spesa per il personale temporaneo sostenuta dalla Pubblica Amministrazione per il 2009. La modifica richiesta dai sindacati è peraltro in linea con quanto lo stesso governo ha dichiarato il 19 novembre 2010 in sede di discussione della legge di stabilità alla Camera dei Deputati, accettando un ordine del giorno.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.