Home » > TERZA PAGINA

Il Diritto Globale

Inserito da on 19 gennaio 2011 – 00:00No Comment

 

 

       *Prof. avv. Nicola Crisci

Il nuovo diritto internazionale (Milano, Giuffrè Editore, 2010, 734) di Giuliana Ziccardi Capaldo, ordinario di Diritto internazionale nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Salerno, è certamente una originale opera scientifica oltre i confini universitari italiani ed anche comunitari e merita di essere segnalata all’attenzione di tutti coloro che sono coinvolti nel “nuovo diritto internazionale”. E’ possibile per la vastità della materia trattata e per la novità e l’originalità del modello sollecitare la conoscenza del volume, consultando la Premessa ed in particolare la Prefazione metodologica sull’Impatto della globalizzazione sull’ordinamento internazionale. Qualsiasi cambiamenti e parametri di valutazione. Dall’articolato Indice risulta la meticolosa e documentata esposizione del Diritto Globale in 5 Parti, rispettivamente in Parte introduttiva su Il sistema giuridico globale. I. Verticalità e condivisione dei processi decisionali globali. II. legalità e valori comuni globali. III. Integrazione dei sistemi giuridici in direzione di un diritto globale. IV. Garanzie collettive. Processi e meccanismi di un nuovo sistema globale. Ogni Parte è arricchita dalle relative Appendici con rinvio ai documenti ufficiali: Guida alla Carta delle Nazioni Unite, alla Convenzione sul diritto dei Trattati, al Progetto di articoli della CDI sulla responsabilità degli Stati per atti internazionalmente illeciti, allo Statuto della Corte Internazionale di Giustizia integrante la Carta di San Francisco delle Nazioni Unite, alla Agenda 21 di Rio de Janeiro, alla Costituzione della Repubblica Italiana, allo Statuto della Corte Penale Internazionale. Segnalo le Tavole dedicate alla Rappresentazione schematica dei cambiamenti da Westfalia all’era della globalizzazione, al Sistema Westfaliano, al Sistema della Carta ONU, al Sistema Giuridico Globale, ai Processi di Formazione del Diritto Globale, ai sistema di Attuazione Coercitiva del Diritto Globale e al sistema Giudiziale Globale. Con un breve Summary, in inglese. Ancora: vista delle abbreviazioni, Indice bibliografico con 58 pagine, Indice dei casi delle Corti e Tribunali internazionali delle Giurisdizioni nazionali, in ordine cronologico, da pagina 697 a 733, per il quale la ricerca degli argomenti trattati testimoniano l’interessante utilità dell’opera per qualsiasi consultazione, ricordando anche le note su tutti gli istituti trattati. L’Autrice Giuliana Ziccardi Capaldo, come afferma nella Prefazione metodologica, con il suo Diritto Globale, propone una straordinaria guida con una completa esposizione, diremmo “globale” con un modello di manuale raro nella letteratura giuridica universitaria, consentendo la divulgazione delle “nozioni fondamentali del nuovo diritto internazionale che chiama “Diritto Globale”. Ricordiamo che nel 1795 Immanuel Kant con il saggio per la Pace Perpetua scriveva che “Il diritto cosmopolitico deve essere limitato alle condizioni di una ospitalità universale, auspicando già allora nuovi istituti giuridici e, pertanto, un “Diritto Cosmopolitico” che “non è una rappresentazione chimerica ed esaltata del diritto, ma il necessario completamento del Codice non scritto del diritto statale ed internazionale, nel diritto dell’umanità in genere per l’attuazione della pace perpetua, a cui possiamo pensare di avvicinarci a poco a poco solo a questa condizione”. (Per la Pace Perpetua, Milano, Corriera della Sera, 2010, 37). Sulle nuove frontiere del Diritto dell’Unione Europea è pertinente alla consultazione della recente sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europa del 19 gennaio 2010, C-555/07, ora con commento di Roberto Cosio (il Lavoro nella giurisprudenza, 11, 2010, 1079).

*Associazione Internazionale Giuristi Italia –USA

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.