Home » Senza categoria

V ediz.“Premio Villa Massa”: volàno di successi dell’enogastronomia

Inserito da on 10 dicembre 2010 – 02:07No Comment

 Grazie ad imprenditori come Sergio e Stefano Massa, titolari della famosa azienda produttrice del “Limoncello Villa Massa”, la Campania, ma anche più ampiamente l’Italia, tornano alla ribalta nazionale e mondiale con la proposta di prodotti tipici di eccellenza a buongustai e attenti estimatori. La quinta edizione del “Premio Villa Massa”, nell’ambito della settima edizione de “Le giornate gastronomiche sorrentine”, si è svolta quest’anno, riscuotendo un ancor più grande successo, basti pensare ai circa 800 alunni degli Ipssar campani intervenuti nell’auditorium della stupenda cornice dell’Hilton Sorrento Palace, messa a disposizione dalla famiglia Esposito. L’hotel da pochi mesi vanta la dirigenza del General Manager Paolo Pedrazzini, messosi subito in luce per la sua grande capacità di seguire lo sviluppo della struttura a 365°, anche nel corso della 33a edizione de “le Giornate Professionali del Cinema” svoltesi nella stessa struttura qualche giorno prima. Anche quest’anno a patrocinare la manifestazione sono intervenuti il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, la Regione Campania, la Provincia ed il Comune di Sorrento con il sindaco, l’assessore al turismo e Teresa Bianchis che, come al solito, è stata di grande supporto nel lavoro organizzativo. La presentazione dei premiati, avvenuta nell’Auditorium “Le Sirene” dell’Hilton, è stata affidata a Bruno Gambacorta, garanzia di conoscenza e professionalità giornalistica nel campo dell’enogastronomia. Il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, ha rivolto un cenno di saluto e benvenuto agli ospiti in sala prima di procedere alla presentazione dei premiati e dei loro interventi. A ricevere i quattro premi più significativi del concorso sono giunti a Sorrento le vere stelle del buon bere e cucina mondiali. Il “Premio alla carriera Villa Massa 2010”, opera del maestro scultore puteolano Lello Lopez, è stato assegnato ad un virtuoso napoletano: Gianfranco Sorrentino che, dopo i successi conseguiti in Italia, sempre all’apice della sua trentennale carriera che lo ha portato dalla direzione delle gradi cucine da Milano a Tokio passando per il Quisisana di Capri, è ora alla conduzione del suo “Il Gattopardo” a New York. Nominato nel 2007 presidente del CRI, Gruppo Ristoratori Italiani, l’Associazione che promuove la cucina tradizionale italiana negli Stati Uniti, a giusta ragione perchè Sorrentino si è sempre prefisso “un ritorno al passato in chiave moderna”: la rivisitazione di ricette tradizionali, usando prodotti importati esclusivamente dall’Italia, allo scopo di proporre in America il meglio del “made in Italy”, il grande maestro degli Chef ha dichiarato di avere nuovi obiettivi, ovviamente sempre nel suo campo. Fra qualche mese, infatti, Gianfranco Sorrentino inaugurerà una sua nuova creatura sempre a New York il “The Leopard at Des Artistes” nei locali storici che furono del “Cafè Des Artistes” dove esclusiva sarà quella cucina mediterranea già apprezzata dai tanti clienti che frequentano “Il Gattopardo”, come George Clooney, Paul McCartney, Naomi Campbell, Massimo Moratti e Francesco Totti tanto per indicare i nomi di alcuni dei più assidui frequentatori ed estimatori dell’arte di Sorrentino. L’apprezzamento dell’utilizzo dei prodotti esclusivamente locali rispetto ai prodotti di importazione è stata messa in discussione da questo premiato con l’altro grande Chef Bob Waggoner che ha ricevuto il premio assegnato allo chef straniero. Waggoner, nativo di Los Angeles, con parentesi professionale in Francia, sostiene l’utilizzo dei soli prodotti del territorio per evitare alle materie prime impiegate nella sua cucina i traumi da trasporto. Lo Chef del “Charleston Grill” in South Carolina e conduttore televisivo del programma “Great Chefs: destination”, in onda in 300 città degli Stati Uniti, che propone una divulgazione delle proprie esperienze e delle degustazione delle sue mete turistico – gastronomiche, come nel giugno scorso a Sorrento, ha però preso in grande considerazione alcuni nostri prodotti come appunto il “Limoncello di Villa Massa” ed altri prodotti e distillati della stessa azienda che certamente rappresentano una particolare specialità necessaria, insieme ad altre, al completamento di un pranzo dagli alti toni. Altro eccellente premiato per l’opera iniziata dal papà Vincenzo nel 1978 con la creazione della comunità di San Patrignano a Coriano di Rimini è stato Andrea Muccioli. Il figlio del grande Muccioli che è riuscito a vedere solo in parte la realizzazione del suo progetto che ora vanta in quell’area una ricerca dell’eccellenza non solo come obiettivo professionale ma soprattutto come strumento di gratificazione e formazione per gli ospiti della comunità rispondendo in pieno al sogno di Vincenzo: “Io sogno un mondo senza droga ma non so se riuscirò a vederlo. Quando quel giorno arriverà San Patrignano non chiuderà ma continuerà ad essere una comunità di vita, un luogo di passaggio in cui gli uomini, che la società ha considerato rifiuti, possono imparare a praticare la libertà, per tornare ad essere elementi positivi in quella stessa società che li aveva rifiutati e avvelenati”. Proprio così come ha fatto Andrea rappresentante di San Patrignano alle Nazioni Unite, con lo status di “Consulente speciale presso il Consiglio Economico e Sociale dell’ONU”. Il “Vite” ristorante a San Patrignano, nato nel 2008 sulle coline riminesi, infatti non è un semplice ristorante ma rappresenta attualmente un esempio del: tutto nasce dalla volontà e spirito di abnegazione di un uomo. Tutto quello che occorre è prodotto dalla comunità, dagli arredi alle decorazioni, ai prodotti impiegati in cucina è tutto frutto di una comunità che alla fine è in grado di offrire ben sessanta specializzazioni professionali diverse a coloro che la frequentano. Ultimo gran premiato, solo come citazione, perché ricordiamo essere stato il primo ristorante italiano ad aver conquistato le tre stelle Michelin, è stato Carlo Cracco, vicentino, allievo di Gualtiero Marchesi titolare dell’omonimo ristorante in pieno centro di Milano, vicino al Duomo, nato con la sua opera nel 2001 per volontà della famiglia Stoppani, proprietaria di Peck, il più famoso negozio di enogastronomia della capitale lombarda e da lui rilevato come unico proprietario nel luglio 2007. A ritirare il premio assegnato a Carlo Cracco, assente a causa di impedimenti aerei, è giunto nella città costiera della penisola sorrentina il campione del mondo 2010 dei sommelier, Luca Gardini, che opera da socio nello stesso ristorante. Gardini ha ritirato anche il premio “Ferrarelle-Platinum 2010”, assegnato allo stesso ristorante Cracco, consegnatogli da Michele Pontecorvo responsabile comunicazione della nota azienda delle acque. Altra nota rilevante è l’ottimo servizio di sala curato da Cracco attraverso il maÎtre napoletano Felice Ragosta, socio della sezione Amira di cui è fiduciario Giuseppe Di Napoli che gli ha dato grandi insegnamenti. Anche Andrea Muccioli ha ricevuto un ulteriore “Premio Banco di Napoli” per l’impegno di lavoro che ha egregiamente abbinato alla solidarietà, consegnatogli da Salvatore Improta. direttore filiale centro direzionale NA del Banco di Napoli, e Paola Franchomme, responsabile relazioni territoriali dello stesso istituto. Altri premi Villa Massa 2010 sono stati assegnati nell’ambito della mattinata intitolata “A teatro con i protagonisti” all’alunno dell’Istituto d’arte <Palizzi> di Napoli, Francesco Filippini vincitore della sessione “Un piatto d’autore” con tema “il Vulcano”. Per il concorso “Cristina Poli, un gioiello per Sorrento”, nato per la realizzazione di un gioiello dedicato a questa città dai giovani designer del Tarì, ha ritirato il premio la vincitrice Carmen De Bernardo. Sempre all’Hilton nel corso del forum “L’Industria alimentare si confronta con i grandi Chef”, indetto dall’Unione Industriali di Napoli, il presidente dell’UIN, Giovanni Lettieri, ha introdotto i lavori che, presieduti da Antimo Caputo, presidente della sezione Industria Alimentare, hanno visto interessanti momenti di confronto per <una collaborazione da costruire per realizzare valore>. Sono intervenuti Daniele Rossi dir. gen. Federalimentare, Ottavio Cagiano de Azevedo dir. gen. Federvini, Mario Pagliari presid. sez. Turismo, Salvatore Improta dir. filiale Banco di Napoli,Vincenzo Fogliano Università agraria di Portici, Elena Martusciello presid. Naz. Associazione Donne del Vino, gli chef Giuseppe Aversa de Il Buco, Mariella Caputo de La Taverna del Capitano, Michele Deleo de L’Accanto, Danilo Di Vuolo del Rist. Maxi, Gennaro Esposito di Torre del Saracino e Livia Iaccarino, moglie di Don Alfonso, titolare del famoso ristorante a Sant’Agata sui due Golfi, che ha mirabilmente tratto le conclusioni raccogliendo il vero senso del dibattito e dando reali spunti per un lavoro volto alla valorizzazione delle tipicità locali. In serata, sempre all’Hilton, nella fiabesca sala con piscina, una cena di gala curata in tutti i particolari da Stefano Massa e perfettamente riuscita grazie all’impegno profuso anche nella realizzazione dell’intera manifestazione, è stato il momento clou che l’imprenditore sorrentino ha potuto godere a tavola con la famiglia. Presentata dalla testimonial della manifestazione Veronica Maya, la cena dal tema “Campania e Sicilia s’incontrano a Tavola” ha unito nell’anno delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia, che vedrà nel 2011 manifestazioni itineranti nel mondo per ricordarne l’evento, le tradizioni della cucina borbonica nel regno delle due sicilie attraverso otto chef. coordinati artisticamente da Giuseppe Aversa presidente Coris (Consorzio ristoratori penisola sorrentina) e dal professore Enrico Cosentino, con la direzione tecnica di Giuseppe Esposito, chef della struttura ospitante la kermesse, gli otto chef che hanno presentato e fatto degustare i loro piatti attraenti nella visione, accattivanti nei sentori ed eccezionali nel gusto sono: Filippo La Mantia dell’omonimo ristorante a Roma, Tony Lo Coco rist. I Pupi a Bagheria, Pietro Pupillo NIC e Salvatore Cappello Acc. Maestri pasticcieri It. da Palermo, Michele Deleo rist. L’accanto di Vico Equense, Ciro Simeoli rist. Locanda del Borgo di Telese Terme, da Tramonti SA sono intervenuti Giuseppe Franzese rist Cucina Antichi Sapori e Sal De Riso pasticceria Costa d’Amalfi. A concludere una eccellente cena è giunto il tocco dei dolci del maestro pasticciere Salvatore De Riso dell’Accademia Maestri Pasticcieri italiani e vincitore del trofeo pasticciere dell’anno 2010, volto noto di RaiUno ne “La prova del cuoco” trasmissione condotta dalla Clerici. La serata, iniziata con l’aperitivo elaborato dal barman Gennaro Romano, ha registrato un gran successo anche per l’ottimo servizio di sala dell’Hilton, grazie alla presenza dei maÎtre Adriano Carotenuto e l’impareggiabile figlia d’arte Federica Guarino, iscritta all’Amira di Napoli. Sfilate di moda hanno intervallato le portate con protagoniste le stiliste Marella Ferrera dalla Sicilia e Nadia Chawad dal Marocco. Questo evento clou delle giornate gastronomiche sorrentine ha proiettato Sorrento in pole position nel campo della divulgazione della buona cucina attraverso l’utilizzo dei tanti prodotti che l’Italia ed in particolare la nostra regione produce.

 

 



Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.