Home » • Salerno

Salerno: Tradizione Futuro, anni imperfetti dalla tragedia alla mancata ricostruzione

Inserito da on 10 dicembre 2010 – 06:10No Comment

Nel novembre 1980, si consumò una drammatica scossa sismica che causa oltre 3.000 morti e parecchie decine di migliaia di sfollati. Nella provincia di Avellino e in quella di Salerno interi paesi scompaiono sotto le rovine ( nella sola Laviano rimangono uccisi quasi il 50% degli abitanti). L’associazione “Tradizione Futuro”, in collaborazione con il candidato consigliere comunale Rosario Peduto, ricorderà quel tragico evento ripercorrendo, attraverso le foto, gli articoli di giornali e la musica popolare, trent’anni di scandali, malfunzionamenti e speculazioni. L’appuntamento è per domenica 12 dicembre dalle ore 11 presso la sede dell’associazione in via S. Calenda 48. Dichiara Rosario Peduto: «Il terremoto del 1980 era ed è una catastrofe con tanti nomi: sottosviluppo, disoccupazione, senzatetto, clientelismo, speculazione, sfruttamento e depauperamento del territorio. L’incrocio fra la potenza devastante del sisma e i nodi sociali della cosiddetta “questione meridionale” fanno del 23 novembre ’80 un crocevia decisivo nelle vicende politiche e sociali della regione e dell’intero paese. Ancora oggi quei problemi sono vivi, come ancora manca una strategia di rilancio per le terre colpite dal terremoto».

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.