Home » • Valle dei Picentini e Piana del Sele

Città Possibile: Bellizzi si avvia verso il dissesto finanziario

Inserito da on 30 novembre 2010 – 03:25No Comment

<<Una gestione scellerata della giunta Salvioli porterà Bellizzi verso il dissesto finanziario.>> E’ quanto afferma il Gruppo Consiliare di Città Possibile e il responsabile economico Dott. Antonio Fereoli, consigliere comunale. A rincarare la dose è il Capogruppo Consiliare, Domenico Volpe, il quale afferma <<Mai in 14 anni di governo della città, si è ricorso alle anticipazioni di cassa: 15 consuntivi e 14 bilanci preventivi regolarmente approvati. Un bilancio sempre in equilibrio!!! Egli prosegue <<Questi “novelli” Amministratori in soli 18 mesi hanno prelevato oltre 3 milioni di euro con chiari dubbi di legittimità che rasentano il falso in bilancio. Questa situazione finanziaria graverà per i prossimi 10 anni sui cittadini di Bellizzi. La gestione allegra di questi 18 mesi tra mance ed incarichi è costata oltre 500 mila euro. Altri 300 mila euro per liti e contenziosi aperti con i cittadini, 250 mila euro di convenzionati extra per prestazioni insignificanti. A questo si aggiungono iscrizioni a bilancio di mancate entrate, solo somme fittizie senza nessun accertamento. E’ chiaro il disegno scellerato dell’attuale maggioranza che, in odore di scioglimento del Consiglio Comunale da parte del Consiglio di Stato per serie irregolarità elettorali e di una imminente ripetizione delle elezioni tenta comprando il consenso con i soldi pubblici. Senza contare poi gli spot di fantomatiche varianti allo strumento urbanistico del Comune di Bellizzi che è stato reso esecutivo non più di un anno e mezzo fa. Variante che nella sua proposizione non potrà mai essere praticata!!! Ad oggi hanno solo paralizzato l’economia del paese. Il tutto sarà inviato agli organi di controllo e di competenza preposti, perché in ogni azione si rasenta l’interesse privato in atti pubblici.>>

Gruppo Consiliare di “Città Possibile”

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.