Home » >> Politica

Battipaglia: Fli, approvazione Siad, quali interessi?

Inserito da on 27 novembre 2010 – 03:54No Comment

Quali e quanti interessi si celano dietro l’approvazione del SIAD (Strumento di intervento per l’apparato distributivo), ossia il nuovo piano commerciale della città? Il piano redatto  dalla giunta di centro – sinistra guidata da Giovanni Santomauro, DOPO 18 MESI, prevede 68  medie strutture da un minimo di 500 ad un massimo 2500 mq, le quali saranno allocate tutte a ridosso del centro cittadino. Salerno, capoluogo di provincia, prevede nel suo SIAD  “solo” 38 medie strutture. Nella nostra realtà il SIAD concepito da Santomauro  sarebbe un disastro, non solo economico: porterebbe alla morte del centro cittadino e alla sua conseguente  desertificazione. Il Piano Commerciale  proposto dal Commissario Prefettizio  Noce  a suo tempo, e prontamente annullato dall’Amministrazione  Santomauro all’indomani del suo insediamento, prevedeva due importanti elementi: Espansione organica delle piccole e medie  strutture  e relativa salvaguardia dei commercianti di Battipaglia; Assetto definitivo  dell’annosa situazione della zona industriale  dove per responsabilità dell’ASI e dell’Ente Comune  si è consentito di svolgere attività commerciale su suolo industriale. A nostro avviso il SIAD  sarebbe dovuto nascere per  contrastare la crisi del settore e  per consentire la riqualificazione della piccola distribuzione, così com’è concepito non ha alcuno scopo se, non quello di favorire ancora una volta i grandi centri commerciali e  gli speculatori. Una disgrazia  per le attività di Battipaglia   che non contribuirà di certo  allo sviluppo dell’occupazione, anzi, si perderanno inevitabilmente posti di lavoro,per la inevitabile chiusura di tanti  negozi.Futuro e Libertà- E’ al fianco dei commercianti battipagliesi in questo difficile momento che rischia di porre definitivamente  la parola fine al commercio cittadino. Pertanto, nel caso in cui il SIAD resterà quello presentato  dall’Amministrazione Comunale, noi non esiteremo a votare contro.  Per questo auspichiamo che la maggioranza crei i presupposti per un dibattito  costruttivo e  si confronti con le opposizioni, al fine di trovare una soluzione che contemporaneamente  garantisca il commercio cittadino e risolva definitivamente  gli annosi  problemi che si trascinano stancamente  avanti da oltre 25 anni nella nostra città. Questo  SIAD, così com’è, non risponde alle esigenze della nostra città.

Il gruppo consiliare FLI il coordinamento cittadino

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.