Home » Sport

Una brutta Salernitana va in vantaggio, ma viene raggiunta al fotofinish

Inserito da on 21 novembre 2010 – 00:33No Comment

Maurizio Grillo

Nessuna novità nelle formazioni annunciate alla vigilia. Breda e Rossi hanno dovuto fare di necessità virtù ed al posto di alcuni titolari indisponibili hanno schierato l’undici più ovvio degli arruolabili. Il tecnico granata ha potuto fare affidamento su Merino, che ha stretto i denti pur di essere in campo oggi. La giornata è di sole e il terreno abbastanza appesantito per le abbondanti piogge dei giorni scorsi. La cronaca: Il primo tiro verso lo specchio della porta è degli ospiti al 5° con Sciaccaluga che manda, però, in curva. All’8° si fa viva la Salernitana con Merino, che dopo una preziosa giocata, fa pervenire in qualche modo il pallone a Fava, fermato però dall’assistente Coi in fuorigioco. Dopo un minuto si fanno pericolosi i padroni di casa che impegnano Rossi in una doppia parata prima su Montervino e poi su Ragusa. La partita non vive di spunti particolari fino al 19° quando in un’ azione di contropiede degli ospiti, Caturano va a terra in area granata in uno scontro con Peccarisi. L’arbitro non abbocca, anzi, ammonisce il giocatore per simulazione. Continuano a giochicchiare le due squadre, il Ravenna accetta di buon grado i blandi ritmi dei padroni casa, sembra quasi una partita di allenamento. Al 30° c’ è un atterramento al limite dell’area salernitana di Chianese, sul quale Balestri si fa cogliere dall’arbitro in un accenno di reazione: ammonito. Sulla punizione, solo un angolo per gli ospiti senza esito. Si ravviva la gara – Al 32° Ragusa va via sulla corsia di sinistra e mette un bel pallone al centro che attraversa tutto lo specchio della porta senza nessun compagno pronto a raccoglierlo. Dopo un minuto doppia opportunità della Salernitana con Rossi sugli scudi che devia prima un tiro di Ragusa e succesivamente di Fava, quasi a botta sicura. Al 40° azione insistita dei padroni di casa, finalizzata da Merino con una mezza girata facile preda del portiere. Stessa sorte subisce un minuto dopo una conclusione di Ragusa. Praticamente il primo tempo finisce qui. Secondo tempo – Le squadre rientrano in campo, non ci sono sostituzioni. Si accendono i riflettori. Al 3° il primo cambio è degli ospiti, entra Rosini ed esce Grea. Al 4°, una bella incursione di Ragusa produce solo un angolo, senza esito. All’11°, spunto di Merino e conclusione pericolosa respinta a pugni chiusi da Rossi. Al 15° il peruviano esce, leggermente infortunato ed entra Falzerano. Espulso Murolo – Non gioca bene la Salernitana che al 19° perde Murolo, autore di un fallo su Chianese a centrocampo da cartellino arancione. Naturalmente per l’arbitro, nel dubbio, si tratta di espulsione. Entra Accursi ed esce Carrus. Breda sistema la difesa. A questo punto si complica la gara per i granata, che comunque cercano con la forza della disperazione di rendersi pericolosi, ma in maniera alquanto sterile. Il Ravenna continua a fare la sua partita, sembra accontentarsi del pareggio ed è la Salernitana ad andare vicina al gol con Ragusa che in semirovesciata manda di poco alto. Rigore per la Salernitana - Al 33° uno spiovente in area ospite, quasi inaspettatamente, produce il calcio di rigore per la Salernitana: il fallo è su Fava che viene abbracciato un po’ troppo calorosamente da Ciuffetelli, che viene anche ammonito nell’occasione. Montervino va sul dischetto e con tutta la rabbia insacca. Dopo un minuto atterramento molto dubbio di Accursi in area su Rosso (subentrato a Sabato). Per l’arbitro è tutto regolare, tra le proteste dei calciatori del Ravenna, di Guitto in particolare, che viene anche ammonito. Sei minuti di recupero e gol del pareggio - La Salernitana difende coi denti il vantaggio. Al 42° la sostituzione di Ragusa con Litteri suscita qualche perplessità. Il Ravenna produce un tiro di testa con Rosso al 46° facilmente bloccato da Polito. Ci prova poi Guitto dal limite, ma il tiro rasoterra va abbondantemente a lato. Al 48° proprio il neo entrato Litteri va via da solo, ma sceglie la decisione più sbagliata con l’appoggio al centro, facile preda dei difensori. Sul capovolgimento di fronte nasce il gol del pareggio del Ravenna. Angolo per gli ospiti, Guitto raccoglie e colpisce la traversa, sulla ribattuta Rosso si fa trovare pronto ed infila di testa il portiere avversario. Finisce 1-1. La Salernitana così pareggia una partita giocata male, ma che aveva avuto la fortuna e l’opportunità di chiuderla a suo favore. Troppo fragile psicologicamente, a tratti isterica in alcuni uomini (oggi espulsione di Murolo), con un modulo troppo rigido, che andrebbe probabilmente rivisto, questa squadra così non andrà lontano.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.