Home » • Agro Nocerino Sarnese, Cava e Costiera

Maiori: XI ediz. Premio Internazionale Rossellini

Inserito da on 19 novembre 2010 – 03:50No Comment

Si apre lunedì 22 ad Amalfi  e proseguirà fino a sabato 27 novembre l’undicesima  edizione del Premio Internazionale Roberto Rossellini Maiori Film Festival, con una rinnovata veste itinerante che vedrà lo svolgimento dell’evento in più paesi della Costa d’Amalfi. Al centro della manifestazione di quest’anno ci sarà l’ambiente e la sua salvaguardia, tema già annunciato durante la scorsa edizione, quanto mai di estrema attualità oggi nel territorio della Costa amalfitana e non solo, continuamente esposto ad abusi e scempi o a catastrofi naturali come quella che ha colpito Atrani il 9 settembre scorso. Questo in pieno spirito rosselliniano. Infatti Roberto Rossellini ha sempre cercato di fare del cinema “un’arte utile”. Il ricco calendario ha inizio il 22 novembre con una proiezione riservata alle scuole ad Amalfi, nella sala Ibsen alle ore 10.00, del docufilm “Genesis” (2004) di Marie Pérennou e Claude Nuridsany. Uno straordinario viaggio alla scoperta dell’origine della vita attraverso il tempo, la materia e gli animali, la nascita dell’universo e l’apparizione delle stelle… . Nella stessa sala alle 19.30 sarà proiettato il film “Hearth. La nostra Terra” di Alastair Fothergill e Mark Linfield, prodotto da Disneynature. Earth racconta le stagioni, attraverso un viaggio dal Polo Nord al Polo Sud, narrando la vita di tre famiglie: quella degli orsi polari, più che altro di una madre orsa e dei due cuccioli; quella di un elefantessa e del suo cucciolo nel deserto del Kalahari; quella di una balena megattera e il suo balenottero. Per realizzare Earth sono stati necessari cinque anni di produzione, mille ore di riprese, quaranta troupe specializzate; per la prima volta sono state utilizzate delle cineprese super high speed al di fuori di uno studio cinematografico. Martedì 23 novembre la manifestazione si sposterà ad Atrani. Nella Cattedrale di S. Maria Maddalena sarà la volta del film Profondo Blu di Alastair Fothergill  e Andy Byatt, prodotto da BBC Worldwide e Greenlight Media. Girato dalla BBC National History Unit, pluripremiata factory di documentari di enorme successo internazionale, Profondo Blu ci accompagna alla riscoperta delle meraviglie del mare. Un viaggio entusiasmante in cui al sublime naturale si uniscono la sapienza di una tradizione documentaristica antica e uno sforzo produttivo fuori dal comune – cinque milioni di dollari il budget del lungometraggio, quindici per la serie tv collegata, settemila ore di pellicola, duecento locations visitate in cinque anni di riprese-. Il 24 novembre a Minori alle ore 10,00 nella Sala Consiliare si terrà la proiezione di Oro blu. L’incredibile viaggio di una goccia d’acqua, riservata per i ragazzi delle scuole medie. La vita sulla Terra dipende da un solo elemento: l’acqua. Ma pochi sanno che l’acqua che consumiamo è la stessa che bevevano i dinosauri, che una molecola d’acqua del nostro corpo poteva essere dentro un vulcano o uno squalo. Nella stessa sala alle ore 20.00  sarà la volta del film Terra madre (2009) di Ermanno Olmi. Un maestro del cinema mondiale propone il proprio punto di vista sul grande tema del cibo e sulle implicazioni economiche, ecologiche, sociali ad esso correlate. Ermanno Olmi costruisce un documentario, un film d’inchiesta limpidamente autoriale, che fa i conti con il destino del pianeta. Una poetica riconoscibile e riconducibile a tutta la sua opera precedente ma sorprendente per la sua unicità formale nel panorama del genere documentario.  Giovedì 25 novembre alla sala Benincasa di Cetara alle ore 10,00  proiezione mattutina per gli studenti delle scuole medie: L’incredibile viaggio della tartaruga di Nick Stringer. Una piccola tartaruga marina segue la via dei suoi antenati lungo uno dei più straordinari viaggi del mondo naturale. In serata (Sala Benincasa ore 20) si terrà la proiezione del film The Cove di Louie Psihoyos. A Taiji, placida laguna giapponese, ogni anno per sei mesi si danno appuntamento i cacciatori di cetacei, pescatori e acquirenti occidentali pronti a sborsare anche 150 mila dollari per aggiudicarsi un delfino da destinare agli show acquatici, mentre il resto degli esemplari è carne da macello. Su questa realtà punta i riflettori The Cove, il documentario premio Oscar 2010 che ha indignato e commosso le platee di mezzo mondo. Venerdi 26 novembre il Premio ritorna a Maiori con la proiezione riservata alle scuole (Auditorium L’Incontro ore 10) con Il segreto del bosco vecchio di E. Olmi. Poesia fantastica del raccontino di Dino Buzzati e del suo colonnello in pensione Sebastiano Procolo che per avidità vuole tagliare gli alberi del “bosco vecchio” e uccidere il nipotino Benvenuto che una volta diventato adulto dovrà ereditare tutto. Nella Sala Congressi dell’Hotel Pietra di Luna  sarà proiettato il film Home (2009) di Yanne Arthus Bertrand.  Home è un vero e proprio inno alla bellezza del nostro pianeta e alla sua delicata armonia, attraverso fantastici paesaggi di 54 paesi catturati solo dall’alto. Il fotografo, giornalista e ambientalista francese,  Yann Arthus Bertrand ti porta in un viaggio spettacolare sopra tutto il pianeta Terra.  HOME è molto di più di magnifico film-documentario, è una lunga sequenza di inquadrature mozzafiato della Terra, la nostra Terra come non si è mai visto prima. Il 27 novembre (Maiori Sala Congressi Pietra di Luna) alle ore 10.00 sarà la volta di una Conferenza a cura di Mario Alverà – The Climate Project. The Climate Project è un’organizzazione mondiale nata dallo straordinario impegno assunto da Al Gore, Premio Nobel per la Pace, per informare in modo chiaro, esaustivo e diretto tutti i cittadini del mondo sulle problematiche connesse ai cambiamenti climatici in atto.  Alle 19.30, al Centro Congressi Hotel Pietra di Luna, la serata di gala chiuderà la manifestazione,  nel corso della quale sarà assegnato il premio Rossellini e il Premio Canon, attribuito ad artisti  distintisi, con la propria attività, per la particolare sensibilità  alle problematiche sociali del nostro tempo.    

       

       

 

 

 

 

 

 Si 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.