Home » >> Politica

Sen.Fasano sulla vicenda Fuenti, interrogazione parlamentare

Inserito da on 3 novembre 2010 – 06:31Un commento

Il Sen. Fasano torna sulla vicenda “Fuenti” sui presunti abusi edilizi che avrebbero determinato il sequestro dell’area. Il Sen. Fasano, nella nuova interrogazione parlamentare, rimarca soprattutto, il ruolo della conferenza dei servizi, della quale fanno parte oltre venti soggetti che accompagnano il progetto di riqualificazione. È stupefacente, a giudizio del sen. Fasano, che sia potuto sfuggire a tanti Enti interessati, tra i quali anche associazioni ambientaliste importanti come Italia nostra e lega ambiente, anche il minimo abuso figuriamoci cento appartamenti da cento metri quadri. Il Sen. Fasano quindi, con una nuova Interrogazione Parlamentare, ha chiesto al Presidente del Consiglio dei Ministri ed al Ministro dell’Ambiente e della Tutele del Territorio, di sapere, a ciascuno per quanto di sua competenza, – se risulti che il progetto per il restauro paesaggistico dell’area Fuenti, in Vietri Sul Mare sia stato effettivamente approvato come riportato da notizie di stampa e, in caso affermativo, se risultino i criteri in base ai quali gli enti interessati e le associazioni ambientaliste partecipanti alla Conferenza dei servizi hanno approvato detto progetto e se questi siano il linea con le normative vigenti;  - se risultino gli elementi e i criteri in base ai quali la Procura di Salerno ha disposto il sequestro dell’area “Parco del Fuenti” e se questi stessi siano in contrasto e/o in linea con le autorizzazioni fin qui concesse.

Un commento »

  • antonio de simone scrive:

    Quale sarà mai l’interesse per questa vicenda ? Ma Fasano ha visto cosa è stato realizzato ? Cosa c’entra che erano in venti, non ha visto cosa è successo a Bari ? La finANZA FACEVA I VERBALI ED UN MAGISTRATO DAVA RAGIONE AGLI IMPRENDITORI. mA DI COSA TI MERAVIGLI ? iN QUEL PROGETTO CI SONO DEI TECNICI RECIDIVI, APPURA PRIMA DI SCRIVERE. pOTREBBE ESSERE COMPROMETTENTE.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.