Home » Mondo

Vita di Missione: Alfabeto Africano, M come Mercato

Inserito da on 26 luglio 2010 – 00:00No Comment

Padre Oliviero Ferro

Se non hai tempo o voglia di andare al cinema,vieni a visitare un mercato africano e sari più contento. La prima condizione è di non avere fretta e di andare con qualcuno che conosce bene l’ambiente. Quello che colpisce al primo impatto è la grande confusione,il vocio,il via vai che regna sovrano. Basta non impressionarsi e camminare lentamente,salutando tutti,anche se non li conosci. Loro sanno già chi sei,appena sei entrato al mercato. C’è l’imbarazzo della scelta. Possiamo comincia nel settore delle stoffe. Ognuno cerca di attirare l’eventuale compratore con i suoi colori multicolori e con le frasi pubblicitarie. Un po’ come nei nostri mercatini di frutta e verdura. Ti diranno che queste vanno bene per fare una camicia,un vestito completo,per decorare la tavola. Insomma per portare un po’ di fantasia in casa. Lì vicino puoi trovare anche il sarto che ti prende le misure e ti confeziona il vestito. Se hai un po’ di sete e di fame, forse è meglio che passiamo alle rosticcerie all’aperto. Sulle griglie vengono cotti pezzi di carne di capra, di mucca o di maiale. Per i più esigenti puoi anche trovare dei pezzetti di scimmia o di serpente. A ognuno i suoi gusti. Le bibite, le sucrèè, non mancano. Coca Cola regna sovrana. Più avanti puoi fare la spesa. Una immensa distesa di verdure e di frutta. Ma fai attenzione al prezzo. Vedendo che sei di pelle bianca, cercano di chiederti di più. Tu invece offri di meno e vedrai che alla fine (quando?) vi metterete d’accordo. Se per caso senti qualcuno che urla in modo disumano, non ti preoccupare. Stanno solo uccidendo un maiale. La vicino invece stanno squartando una mucca. Si contratta il prezzo e puoi portarti a casa la provvista per una settimana. Se invece hai bisogno di attrezzi da cucina, potrai vedere mestoli,cucchiai in legno o in metallo. Impilate,una sopra l’altra, le grandi pentole in alluminio e lì vicino le caraffe in plastica che i musulmani usano prima di andare a pregare. Il tempo va avanti e tu non ti accorgi che ormai sono due ore che stai girando. Con le braccia cariche di tante belle cose, te ne vai verso il fuoristrada e cominci a caricare. Chi ti ha aiutato, ti chiederà un incoraggiamento. E tu glielo darai sorridendo. Non è molto,ma lo farà felice. Sei entrato in un mondo fantastico e ora devi ritornare nel mondo normale.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.