Home » • Salerno

Salerno: aeroporto, Cirielli “De Luca confonde interessi territoriali con squallide vicende politiche”

Inserito da on 23 luglio 2010 – 05:564 Comments

Il Presidente della Provincia di Salerno, On. Edmondo Cirielli, precisa sulla situazione delle municipalizzate, sul piano sanitario, sulla vicenda aeroporto, ed il referendum “Grande Lucania” nel Vallo di Diano. «Non possiamo continuare a certificare i debiti con società municipalizzate, accumulate dal Sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca». Così, ha esordito alla stampa il Presidente Cirielli, stamattina a Palazzo Sant’Agostino. «Il Sindaco De luca, che parla di efficienza- ha continuato- dovrebbe dare l’esempio chiarendo la situazione sui debiti, nel rispetto dei cittadini salernitani. Anche sulla vicenda aeroporto assistiamo all’atteggiamento del moralizzatore De Luca, che confonde gli interessi del territorio con squallide vicende politiche. Il comportamento del Sindaco di Pontecagnano, Ernesto Sica, è legittimo sul piano amministrativo, perché egli fa il Presidente dell’aeroporto in quanto Sindaco del Comune di Pontecagnano, senza il quale non c’è più la maggioranza in Consiglio d’amministrazione. Sul piano politico ho sempre dichiarato che se fossi io al suo posto mi dimetterei, ma De Luca non può dare lezioni di moralità e chiedere le sue dimissioni per la vicenda delle intercettazioni telefoniche che lo riguardano, di scarsa rilevanza giuridica. Il Sindaco di Salerno, che ha fatto distruggere le intercettazioni telefoniche che lo vedevano oggetto di inchiesta,non è migliore di Sica. L’aeroporto, per il territorio di Pontecagnano, costituisce una struttura di forte impatto ambientale ed è giusto che l’Amministrazione comunale possa governarla, visto che la subisce. Per quanto riguarda la Camera di Commercio, che ha proposto correttivi al piano commerciale Alitalia, ora minaccia di uscire dal cda non presentandosi da un mese in assemblea. Se non approviamo la proposta Alitalia, interessata allo scalo di Pontecagnano, la compagnia di bandiera ci farà causa».Per quanto riguarda il Piano sanitario, il Presidente della Provincia di Salerno, ha sottolineato che «Caldoro ha la necessità di inserire nelle Asl persone di alta qualità. Si governa con i nostri uomini e le nostre donne, ma per il settore sanità ci vogliono persone di alta professionalità. Questa è la linea del nostro piano integrativo presentato dalla Provincia,  che sicuramente passerà in Regione. Per quanto riguarda i nostri ospedali, nessun presidio del territorio rischia la chiusura. Ci sarà una riorganizzazione, ma i reparti di base saranno garantiti ovunque. Bisogna guardare i fatti, prima di sparare a zero, come fa la CGIL, che è stata zitta rispetto al saccheggio del passato».  Il Presidente Cirielli ha anche precisato sul voto unanime del Consiglio comunale di Sala Consilina al referendum “Grande Lucania”. «Sarebbe preferibile- ha detto- la Regione del Principato di Salerno e della Grande Lucania. I referendum sono sempre bene accetti, ma l’adesione alla Basilicata non è una soluzione attuale per il Vallo di Diano. Pare singolare che una parte della nostra provincia voglia andare con due province, Potenza e Matera, i cui Presidenti mi chiedono di voler venire con noi!».

 

 

 

4 Comments »

  • rocco scrive:

    Cirielli pensi far riaprire la linea ferroviaria Sicignano-Lagonegro,fino a CASALBUONO,ultimo Comune in Provincia di Salerno, così anche gli abitanti del Vallo di Diano potranno avere dei TRENI Regionali in coincidenza con gli EUROSTAR Alta VELOCITA’ SALERNO-MILANO e MILANO-SALERNO,come già accade per gli abitanti della Regione BASILICATA,che hanno dalla DOMENICA al SABATO DUE TRENI REGIONALI sulla tratta POTENZA-Salerno e ritorno! Agli abitanti delVallodi Diano è stato risposto PICCHE dalla Regione CAMPANIA, persino alla richiesta di avere degli AUTOBUS del Servizio Sostitutivo di TRENITALIA in coincidenza con i TRENI Regionali della Basilicata alla STAZIONE di EBOLI!Non capisco perchè debbano rimanere in CAMPANIA.

  • rocco scrive:

    Mi correggo i TRENI Regionali POTENZA-Salerno e viceversa, ci sono dalla DOMENICA al VENERDI’. Comunque dalla fine del 2011 i tempi di percorrrenza dell’Alta velocità ferroviaria tra SALERNO e MILANO si accorceranno di OLTRE 35 minuti,con l’entrata in funzione delle STAZIONI di NAPOLI-AFRAGOLA e ROMA TIBURTINA, oltre ad esserci la concorrenza dei TRENI ad ALTA VELOCITA’ di NTV, la compagnia ferroviaria di Montezemolo e company. Mettiamo una pietra sopra sull’Aeroporto di Pontecagnano,visto che già oggi si raggiunge in MENO di 1 ORA l’Aeroporto di NAPOLI-CAPODICHINO,partendo da SALER NO.

  • antonio Abate scrive:

    Illustre Presidente, oramai Lei governa abbondantemente da oltre un anno e la cosa più sconvolgente è che continuano delle inutili ed incomprensibili diadribe con De Luca, ma l’e uniche cose che realmente mancano sono i fatti concreti. Al di là della confusione di De Luca, che condivido, per cortesia mi potrebbe spiegare cosa ha fatto in 14 mesi per l’aereoporto ? Mi potrebbe spiegare come fa ancora a difendere Sica ? Mi spiega in che modo vuole uscire da questa impasse totale ? E nè mi sembra che passi avanti siano stati fatti con la società dei rifiuti dove al momento notiamo solo altre spese e nè penso che i commissari nominati abbiano dato qualche risultato. Ma non pensa che la gente sia in attesa di fatti e non di chiacchiere ? ed allora Lei che ha fatto sempre cose concrete, non cada nel tranello delle cose inutili organizzate da Celano e company, visto che questi elementi non hanno la cultura e le capacitàò de comando ma pensano aben altro, e nessuno meglio di Lei lo sa. Per cui passi alle cose da fare, e queste polemicucce Le lasci fare a Loro visto che Lei deve viaggiare a livelli diversi. In bocca al lupo !

  • vince scrive:

    • Da anni, quale proprietario residente in una zona ” in parte interessata dal cono di atterraggio dell’aeroporto di Pontecagnano Faiano” mi sono interessato alle vicende aeroporto e ho richiesto e ottenuto copia di ogni documento e progetto. Ho inoltre avuto contatti con l’Enac che mi ha fornito rassicurazioni e chiarimenti e con la stessa Regione Campania.
    L’aeroporto sembra ancora oggi un desiderio di ” alcuni ” i quali conoscono, forse anche poco, esclusivamente la strada…che giunge a questo aeroporto e null’altro.Nulla conoscono di questa zona, della obiettiva difficoltà che qualsiasi aereo ” degno di tale nome ” troverebbe per orografia ad atterrare quando c’è una piccola condizione metereologica avversa e… non solo.
    Ho sempre sostenuto che ” provocatoriamente ” se l’aeroporto fosse utilizzato per pista per appassionati di aeromodellismo diventerebbe davvero…importante e frequentato ( mi sembra che gia in parte venisse usato per questo.
    “L’aeroporto, per il territorio di Pontecagnano, costituisce una struttura di forte impatto ambientale ed è giusto che l’Amministrazione comunale possa governarla, visto che la subisce……”
    Bhe cosa dire…non si parla mai di coloro che davvero lo subiscono…coloro che risiedono nella zona che paradossalmente è anche sotto vincolo!!! ” Stranieri sono nel consiglio di amministrazione ” mai nessuno che sia del posto e che esprima davvero perplessità e problematiche.
    A mio giudizio e sono anni che esprimo questo, l’aeroporto di Pontecagnano non ha futuro , per come è strutturato… alla prima difficoltà di atterragio o incidente, si sgonfierà per sempre come una vecchia mongolfiera. Secondo me sono solo chiacchiere, si sta esclusivamente creando una bomba in un quadrilatero che va dal fiume picentino al tusciano, troppe strutture : Sardone, termovalorizzatore, cementificio, centrale elettrica,parapoti, aeroporto …non aggiungo altro. In quella zona c’è aumento di patologie neoplastiche…ma chi pensa certe “Opere Pie” abita altrove…e come bandiera non ha quella del cittadino ma quella del pdl..ppp..ppo pdc ppu…pd…poi spesso le bandiere si avvolgono su se stessi come si fa sulle bare durante i funerali di stato.Quanti ex distrutti dalle loro fantasie HO VISTO IN TANTI ANNI!***********CORRETTO*************

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.