Home » • Salerno

Salerno: Tradizione Futuro, braciere acceso per la legalità

Inserito da on 18 luglio 2010 – 18:26Un commento

rol

L’ associazione culturale  TRadizione Futuro ha organizzato una veglia di 24 ore per ricordare il sacrificio di Paolo Borsellino e degli uomini della sua scorta uccisi dalla mafia a Palermo il 19 luglio 1992 alle ore 16,58. La manifestazione a Salerno presso la fontana Falcone e Borsellino (trincerone  ferroviario lato via Nizza). Per l’ intera durata della veglia  un fuoco, simbolicamente la passione, il coraggio e l’amore per la giustizia. L’inizio della  veglia al suono del silenzio di oggi,  alle ore 16,58  alla lunga manifestazione  che terminerà poi  domani, sempre alla stessa ora.  “Un’iniziativa che simboleggia il trionfo della legalità, che quest’anno abbiamo inteso ulteriormente incisivizzare-ha commentato Giovanni Cirillo, presidente dell’Associazione- e che alla luce dell’increscioso sfregio avvenuto a Palermo, rimarca ulteriormente il sacrificio eroico di Borsellino e Falcone. Di qui l’idea dell’accensione del braciere, simbolo della legalità che deve ardere sempre. La veglia, a ricordo di quanto avvenne 18 anni fa. Peccato che il monumento erto commemorativamente dall’Amministarzione comunale non riferisca anche i caduti della strage: Francesca Morvillo e gli uomini della scorta. Prima c’eran tante erbacce, ora alquanto ripulito il tutto.” “Era un monumento abbandonato-ha aggiunto Riccardo D’Arco, sempre nel direttivo associativo accanto anche ad Antonio Mola e Rosario Peduto-. ma ora sta rilanciando un messaggio alla città.” “Che intende essere desta nella cultura della legalità-ha concluso Rosario Peduto- e che pertanto guarda alla politica con occhi diversi, in un momento di peculiare delicatezza per le sorti nazionali, avviluppate da scandali e gossip Per noi, la politica,  dibattito e confronto su temi seri e scottanti. In seguito altre iniziative in tal senso.” Alla commemorazione, particolarmente incisiva la presenza di Gianmaria Setti Carraro, cognato di Carlo Alberto dalla Chiesa, fratello della giovane Manuela, seconda coniuge del generale.” 

Un commento »

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.