Home » >> Giudiziaria

Mediazione Civile: chiacchiere che stanno danneggiando gl’ indecisi

Inserito da on 5 luglio 2010 – 02:11Un commento

Secondo Pecoraro, presidente dell’Associazione Nazionale per l’Arbitrato & la Conciliazione (A.N.P.A.R.) fa bene il ministro Angelino Alfano, a non considerare le istanze di sparute minoranze di “caste” all’interno di “caste”, che chiedono di incontrarlo per indurlo a cambiare alcune regole in materia di mediazione civile. La promessa del Parlamento e del Governo fatta all’Unione Europea di deflettere il carico pendente di circa sei milioni di giudizi è un obbligo, al quale non può venir meno nessuna persona onesta. Dice bene, anche il capo dell’ufficio legislativo del Ministero della Giustizia – Dott.ssa Iannini, nell’affermare che “al nuovo istituto giuridico si è voluta attribuire, sì una funzione deflattiva ma, anche farne espressione di una scelta culturale: superare le contrapposizioni offrendo alle parti la possibilità di trovare il modo più appropriato per risolvere una controversia, sulla base dei loro interessi più che dell’affermazione dei loro diritti. L’obiettivo è riuscire a risolvere con questo strumento le cause, ma anche, dare un nuovo mercato alle professioni”. Pochi , altro che abolizione, – continua Pecoraro chiamato ad esprimere un suo parere in merito – sono i diritti disponibili tutelabili con l’esperimento obbligatorio del tentativo di mediazione in materia civile e commerciale, a mio avviso tutte le controversie dovrebbero passare per l’obbligatorietà, causa di improcedibilità al giudizio ordinario, così come avviene nelle controversie civile e commerciali transfrontaliere. Non bastano – afferma Pecoraro- gli inviti alla prudenza, anche da parte del presidente del C.N.F., Avv. Guido Alpa – persona di alta capacità morale e professionale – che invita gli iscritti a “non boicottare la legge perchè non si dica che il sistema è fallito per colpa dell’avvocatura”. Anche Pecoraro è d’accordo con il presidente del C.N.F. sull’utilità di non far gravare il peso economico delle mediazioni richieste da soggetti che in sede di processo sarebbero ammessi al patrocinio a spese dello stato, sugli organismi di conciliazione (n.d.r. questi ultimi hanno solo oneri e non risorse) e che i mediatori designati dagli organismi di conciliazione dovranno avere solide basi di conoscenza del diritto sostanziale per la facile risoluzione della controversia.

Un commento »

  • Alberto scrive:

    VABBE’ CREIAMONE UN’ALTRA DI CASTA
    QUELLA DEI FRANCESCANI CHE DETTERANNO LEGGE.
    ROMPIAMO GLI SCHEMI SOCIALI SU CUI FONDANO TUTTE LE SOCIETA’ CIVILI DA SEMPRE.
    SI STA IMBASTENDO UN CAOS IMMENSO E NON SARANNO DI CERTO GLI AVVOCATI A TOGLIERE LE CASTAGNE DAL FUOCO … QUESTA VOLTA.
    MEDIARE SUL DIRITTO DI UN CITTADINO E’ SINTOMO DI PREVARICAZIONE, DEL PIU’ FORTE SUL DEBOLE ED E’ ANCHE ETICAMENTE DEPRECABILE. ANDIAMO COSI’ A RESTAURARE LE SIGNORIE MEDIEVALI.
    I CITTADINI VI RINGRAZIERANNO PER IL CASINO KE STATE IMPONENDO.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.