Home » Arte & Cultura

Napoli: il dir. resp. Rita Occidente Lupo in giuria alla tenzone letteraria su Leopardi

Inserito da on 26 giugno 2010 – 00:00No Comment

  Una tenzone poetica per ricordare il genio di Leopardi in occasione del suo 212° compleanno. Ad organizzarla a Napoli, martedì 29 giugno ore 19,30 in Piazza Plebiscito, (angolo Libreria Treves) il comitato letterario Leopardi e Napoli, legame indissolubile, coordinato da Agostino Ingenito, cultore del Recanatese e non nuovo ad iniziative originali. Poeti, letterati, appassionati di rime e versi si sfideranno, secondo un preciso regolamento,  a suon di endecasillabi e settenari, elaborati al momento su un tema scelto e votati da una commissione di valutazione e dal pubblico. Un’elegante tenzone  denominata L’Officina dei Canti, che rievoca in parte quella trecentesca tra Boccaccio e Petrarca che si sfidarono a distanza però con versi e rime tra satira e dileggio. L’evento che ha ricevuto il patrocinio del Sindaco di Napoli, vede la collaborazione della storica Libreria Treves, da tempo impegnata con Rino De Martino e noti autori a valorizzare Piazza Plebiscito come Piazza della Poesia e il fattivo contributo dell’Accademia Palascianìa che raduna giovani artisti e poeti emergenti. “Siamo onorati di  dare il nostro contributo all’iniziativa, sarà una vera festa – dichiara Marco Palasciano – oltre alle consuete letture leopardiane, si è organizzato un gioco gara tra verseggiatori, a cui tutti sono invitati e che speriamo possa stimolare l’ingegno e divertire sia i partecipanti che il pubblico.” Il comitato letterario partenopeo è  impegnato in un’attenta valorizzazione di Giacomo Leopardi e del suo rapporto con la città, in cui visse gli ultimi anni della sua vita. Si spense colerico il 14 giugno 1837 in Vico Pero sulla salita di S.Teresa . Sulle cause della morte del Recanatese, furono elaborate artificiose congetture e storie, alimentate anche da Antonio Ranieri, pesantemente sconfessato da molti autori e scrittori compreso Ingenito che ha elaborato una cronistoria sulla vicenda. “Utilizzare il gioco letterario per creare sinergie e mettere in rete sensibilità artistiche e culturali presenti in città ma molto spesso isolate -cosi dichiara Ingenito -Bisogna coinvolgere i giovani scrittori ed artisti nell’organizzazione di eventi ed iniziative culturali per garantire spazi innovativi e di sperimentazione. Il gotha della cultura partenopeo sembra in parte orientato ad un’ elitaria albagia e distante  dalle giovani leve non riuscendo a cogliere l’eccezionale freschezza di tanti che utilizzando i più tecnologici sistemi di comunicazione, cercano di farsi spazio in altri contesti”.Durante la manifestazione sarà presentato il concorso letterario ed artistico internazionale Leopardi. 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.