Home » Regione

Regione:Tagli Sanità, Valiante, centinaia i licenziamenti

Inserito da on 23 giugno 2010 – 07:26No Comment

Non solo i 18 licenziamenti decisi dall’Anffas. Secondo il consigliere regionale del PD, Gianfranco  Valiante, nelle prossime settimane saranno non meno di cento i lavoratori licenziati dalle case di cura private convenzionate in provincia di Salerno, più di un migliaio in Campania. “I tagli imposti dalla Giunta regionale della Campania – denuncia Gianfranco Valiante – comporteranno sempre meno servizi sanitari a domicilio, programmi di riabilitazione inefficienti, sempre più disabili senza cure e centinaia di licenziamenti. Con le scelte del Governo, approvate dalla Giunta Caldoro, i centri privati convenzionati non riusciranno più a erogare quei servizi che, per le famiglie con un disabile grave, sono vitali”. Per Gianfranco Valiante “e’ necessario capire quali siano, al di là di calcoli ragionieristici, le intenzioni del presidente Caldoro per tutelare le fasce meno deboli e i lavoratori. Non è pensabile – sostiene Valiante – piegare la testa ad ogni decisione del Governo, che continua a sottrarre risorse al Sud Italia per darle alle regioni del nord, senza che la Giunta Caldoro riesca a trovare soluzioni alternative e condivise”. “Il taglio agli sprechi nella sanità, ai doppioni, ai disservizi è necessario – continua il consigliere del PD – ma la logica del risparmio a tutti i costi, soprattutto in un settore come quello della disabilità, rischia di mettere a repentaglio la qualità del lavoro, le cure assistenziali, senza contare che il taglio dei servizi porterà inevitabilmente a sempre nuovi licenziamenti. E’ necessario difendere il diritto alla salute dei pazienti, ma anche  tutelare la dignità dei dipendenti delle case di cura convenzionate, evitando la paralisi assistenziale”. Uno spettro che comporterebbe il licenziamento per centinaia di operatori sanitari in provincia di Salerno e, soprattutto, la necessità per le famiglie dei pazienti di provvedere in proprio alla copertura delle costosissime spese mediche.

 

 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.