Home » • Agro Nocerino Sarnese, Cava e Costiera

La Costiera Amalfitana premia il mondo dell’Informazione

Inserito da on 19 giugno 2010 – 04:25No Comment

Selezione della notizia e correttezza dell’informazione, i cardini del buon giornalismo. E le regole del buon giornalismo sono state ricordate più volte nella doppia cornice di Amalfi e Ravello, i comuni della costiera campana, che ieri hanno ospitato la seconda edizione dell’Amalfi Coast Media Award, posto sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Un premio internazionale diviso in più sezioni, presieduto da Biagio Agnes e assegnato ad alcune tra le maggiori firme del giornalismo. A Massimo D’Alema è stato attribuito il Premio “Giornalista nel Parlamento”, mentre il Premio “Giornalista nel Governo” è andato all’On. Paolo Bonaiuti, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. A consegnarlo è stato il Sindaco di Amalfi Antonio De Luca. Paolo Bonaiuti è stato anche protagonista, nel pomeriggio, di un dibattito sul tema “Il Potere alla Parola la Parola al Potere”, nel corso del quale è stato intervistato da Susanna Petruni, vice direttore del Tg1. L’incontro si è svolto nella chiesa di Santa Maria a Gradillo di Ravello ed è stato condotto da Luca Giurato. Il “Premio alla Carriera” è stato assegnato ex aequo a Ettore Mo, giornalista tra i più famosi corrispondenti di guerra, inviato speciale del “Corriere della Sera” e Miriam Mafai, editorialista de “La Repubblica”, inviata speciale e giornalista politico. A Ferruccio De Bortoli è stato assegnato il Premio per la sezione “Carta Stampata”, a Bianca Berlinguer, il Premio per la “Televisione” e a Mario Calabresi, il Premio “Giornalista Scrittore”. Tra gli altri premiati: Antonio Preziosi per la sezione “Radio”, Luca Giurato Premio “Spettacolo, Cultura e Società”, Liliana Faccioli Pintozzi per la sezione “Giovani under 35”, Paolo Liguori Premio “Web Editor”, Farian Sabahi  “Premio Mediterraneo” e Roberto Iadicicco Premio “Informazione scientifica”. Il Premio speciale della giuria, in larga parte composta dai direttori dei più grandi giornali italiani (tra gli altri Maurizio Belpietro, “Libero”, Virman Cusenza, “Il Mattino”, Giuliano De Risi “AGI”, Mario Pirani, “La Repubblica”, Roberto Napoletano, “Il Messaggero”, Mario Orfeo, “Tg2”, Mario Sechi, “Il Tempo”) è andato, invece, a Giuseppe Marra per i suoi 40 anni nelle agenzie di stampa. Ai vincitori è stata consegnata una scultura dal titolo “Comunicazione” creata dall’artista Bartolomeo Gatto e raffigurante un abbraccio ideale tra chi dà la notizia e chi la riceve. Oltre a celebrare cardini e principi fondamentali del fare informazione nella medievale piazza dell’antica Repubblica Marinara, la consegna dei premi – aperta con la lettura del messaggio del Capo dello Stato – ha visto l’alternarsi di contributi filmati con scritti dei vincitori sui temi del calcio con lo sguardo proiettato alla seconda partita della nazionale italiana impegnata nei mondiali del Sudafrica. La punteggiatura del Premio è stata una carrellata di goal celebri e azioni famose che hanno fatto la storia del calcio azzurro. È il momento centrale della cerimonia condotta con la consueta verve da Milly Carlucci, ripresa da RAI Uno (che la trasmetterà sulla rete ammiraglia il 20 giugno alle ore 14.15 prima della partita dei mondiali di calcio Italia- Nuova Zelanda) con un parterre da grandi occasioni e un gruppo alternato di artisti del miglior made in italy appartenenti al mondo della musica, dello spettacolo e del calcio tra cui Gigi D’Alessio, con la sua ultima “dedica” musicale al figlio Andrea e i calciatori Luca Toni e Massimo Oddo che hanno commentato con Milly Carlucci la favolosa impresa Berlino 2006. Madrina d’eccezione che ha accompagnato Milly Carlucci durante la serata, la bellissima ed elegante Manuela Arcuri, alla quale è stata affidata l’introduzione del Premio con una spettacolare discesa lungo la scalinata del Duomo di Amalfi. Manuela Arcuri ha attraversato una suggestiva installazione fatta di lettere scenografiche che riportavano scritto il logo del Premio. Al termine della cerimonia, cena di gala per tutti gli ospiti a base dei prodotti tipici della costiera amalfitana che si è svolta nella suggestiva cornice dell’Auditoruim Oscar Niemeyer di Ravello.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.