Home » Senza categoria

Roma: Di Bianco ha debuttato a Roma nell’opera “Così fan tutte ‘’

Inserito da on 3 giugno 2010 – 01:15Un commento

Pietro Cusati

 Il Padulese   Pietro Di Bianco di 27 anni, pianista, baritono  e docente di materie umanistiche e musicali,il primo giugno scorso, nell’auditorium della Musica di Roma, Sala Petrassi, ha  brillantemente debuttato  nell’opera ‘’ Così fa tutte ‘’di Mozart,sotto la direzione del noto maestro argentino Josè Maria Sciutto, alla presenza di un numeroso e qualificato pubblico. I costumi sono stati realizzati dai giovani allievi dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli .La regia è stata curata con grande passione da Cesare Scarton. L’auditorium Parco della Musica di Roma , una sofisticata  architettura musicale ,una vera e propria fabbrica di cultura, progettato dal famoso Architetto Renzo Piano è la grande struttura di questo tipo a livello europeo. La Sala Petrassi con circa 700 posti è un vero  teatro musicale, con fossa d’orchestra e palco attrezzato e con possibilità di cambio di scena e di costumi.  Una grande  particolarità  tutti gli interpreti sono giovani e sono stati bravissimi, riscuotendo, infatti, un grande successo di pubblico e di critica.“Così fan tutte”, ossia La Scuola degli Amanti è un ‘opera lirica in due atti, la cui prima rappresentazione ebbe luogo al Burgtheater di Vienna il 26 gennaio 1790. Opera dedicata alla giovinezza, alla bellezza e all’amore, questo dramma giocoso ha come protagonisti personaggi belli, giovani e sensuali che giocano con leggerezza con la vita e l’amore. Mozart, partendo da un intrigante e libertino scambio di coppie,ci offre un testo di sconcertante modernità. Il  maestro Pietro Di Bianco di Padula, ha dominato il palco, nel ruolo di Don Alfonso (voce basso), personaggio centrale dell’opera, nonostante la giovane  età, è riuscito ad interpretare magistralmente un ruolo maturo, grazie alla commistione di doti interpretative e vocali, ricevendo continui  e lunghi applausi dal qualificato pubblico. Sei i protagonisti, due coppie di fidanzati, la serva e don Alfonso,cinque vestiti di  chiaro per rappresentare la frivolezza, la spensieratezza e soltanto Don Alfonso vestito di grigio  perché rappresenta  la malizia, il disincanto, la furbizia. Don Alfonso è colui che crea la messa in scena e manovra gli altri personaggi,come un burattinaio. L’interpretazione di Pietro Di Bianco è stata davvero magistrale, inoltre, nonostante la giovane età, ha vinto numerosi concorsi nazionali nella formazione cameristica per pianoforti e violino.

  

Un commento »

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.