Home » Curiosando

Impiego dell’Aloe arborescens nella prassi clinica

Inserito da on 14 maggio 2010 – 00:002 Comments

Dott. Alessio Tafuri*

L’aloe è una pianta succulenta sempreverde. Il termine aloe (allo eh in arabo, halal in ebraico, alo hei in Cina, aloe nei paesi occidentali) deriva dalla radice greca als o alos, che significa sostanza amara, lucida, salata come l’acqua di mare. Aloe è un genere di piante comprendente circa 600 specie, provenienti dall’Africa sub-sahariana, Madagascar e parti dell’Arabia. Molte specie sono diffuse in regioni semi-tropicali, calde o aride. Alcune specie di aloe sono state adottate fin dai tempi più antichi come piante medicinali e utilizzate a livello locale nella medicina popolare. L’aloe è da sempre considerata una pianta “miracolosa” capace di guarire ogni tipo di malattia grazie alle sue molteplici attività e principi attivi. Allo stato attuale, devono essere ancora scoperte l’attività biologica di tutti i composti dell’aloe. Pur tuttavia, molti studi sono stati realizzati per chiarire la composizione chimica dell’aloe. Attualmente, è nota una lista molto lunga di componenti e principi attivi comprendente oligominerali, acidi, aldeidi, alcoli e alcoli a lunga catena, aminoacidi, antrachinoni agliconici e glicosidati, chetoni e chetoni aromatici, cromoni, esteri, fenilpironi, fenoli, fitosteroli, flavonoidi, mono- oligosaccaridi e pigmenti, terpenoidi, vitamine, nonché, a livello biochimico, polisaccaridi, enzimi, proteine e glicoproteine.Tale lista si accresce costantemente di nuove scoperte che vanno ad arricchire il già notevole bagaglio di conoscenze attuali sulla composizione chimica dell’aloe e, conseguentemente, la già lunga lista di possibili applicazioni terapeutiche dell’aloe. Parallelamente all’aumento delle conoscenze dei principi attivi dell’aloe e al conseguente aumento delle sue possibili applicazioni nel campo terapeutico, si avverte la necessità di una revisione dello stato delle conoscenze attuali e una riorganizzazione dei suoi potenziali impieghi a scopi terapeutici in modo tale da razionalizzarne l’utilizzo pratico in ambito clinico. Il lavoro svolto si è concentrato sui seguenti principi attivi presenti nell’aloe: antrachinoni agliconici e glicosidati, cromoni, fenilpironi, fenoli, fitosteroli, isoflavoni, mono- oligo- e polisaccaridi, proteine e glicoproteine. A tale scopo sono stati esaminati 187 lavori scientifici pubblicati dal 1961 al 2009; di cui, 113 pubblicazioni relative a studi svolti sull’Aloe arborescens, da sola o in associazione ad altre specie, 44 pubblicazioni relative a studi svolti sull’Aloe barbadensis, da sola o in associazione ad altre specie e 30 pubblicazioni relative a studi in cui l’Aloe arborescens viene citata o ne vengono studiati singoli principi attivi prodotti sinteticamente.  È una pianta succulenta arbustiva, perenne, sempreverde, con tronco pollonifero, alto fino a 2 m. Le foglie, disposte in rosette terminali, sono carnose, lungamente triangolari-lineari, acuminate, con margine armato da numerose spine giallastre, canalicolate, di colore verdazzurro glauco, lunghe fino a 60 cm, le inferiori arcuate all’indietro. I fiori, riuniti in vistose infiorescenze a grappolo che si dipartono dal centro delle rosette, sono tubulosi, di colore rosso, portati da peduncoli di 3-4 cm. Fiorisce tra la primavera e l’estate, nei mesi di maggio e giugno, o precocemente in febbraio-marzo, a volte si ha una seconda fioritura in autunno. Il frutto è una capsula trivalve. È una pianta semirustica, teme il freddo intenso. Predilige esposizione soleggiata e terreno ben drenato. Si coltiva anche in vaso. L’Aloe arborescens sembra essere una pianta estremamente ricca di principi attivi la cui azione biologica si può esprimere in moltissime e svariate azioni terapeutiche. Il quadro che emerge dal presente studio sembra suggerire l’idea che l’Aloe arborescens possa essere considerata una specie di panacea utilizzabile per uno svariato numero di patologie e di malanni esistenti.

*Biologo e dottore di ricerca in “Alimenti e salute: biotecnologie e metodologia applicate alla fisiopatologia digestiva”

   

    

2 Comments »

  • Christian Brogi scrive:

    Video su come preparare seguendo le procedure corrette, il succo d’aloe arborescens, trapiantare e moltiplicare le proprie piante.
    DVD interamente in italian, durata circa 20′.
    Clicca qui per info su come riceverlo.

  • Patrizia scrive:

    Mi chiamo Patrizia, nel 2010 sono stata colpita da carcinoma mammario , subito operata a Milano e assistita da un buon team di naturopata e medici tradizionali ho rifiutato la terribile chemioterapia. Con molta, troppa ignoranza i miei parenti avrebbero voluto impormi la terapia tradizionale….io???? Rifiuto il tutto mi rivolgo al Dott. Nacci il quale poi mi ha suggerito di utilizzare anche l’aloe(non l’aloe vera erboristica) io ho comprato Aloe superiore della ditta Ghignone tramite i suggerimenti del naturopata Lanza……La mia vita è migliorata anche a livello psicologico ed oggi vivo molto bene! Benedico l’aloe arborescens superiore, il germanio e l’ascorbato di potassio!!!

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.