Home » • Salerno

Coldiretti Salerno: plauso per l’ attività della guardia forestale a tutela delle produzioni locali

Inserito da on 14 maggio 2010 – 06:16No Comment

Si tratta di un segnale importante che conferma la necessità di stringere le maglie dei controlli per valorizzare e difendere un prodotto simbolo del primato del Made in Italy, ovvero la mozzarella di bufala campana DOP.”  E’ quanto afferma il Presidente della Coldiretti di Salerno, Pietro Caggiano, nel commentare i risultati della operazione, svolta dal Comando Stazione Foce Sele del Corpo Forestale dello Stato , che ha portato al sequestro presso un capannone abusivo di  40 mila secchi contenenti oltre 60 mila quintali di latte di bufala congelato, unitamente ad altri alimenti. Il danno a carico delle imprese bufaline  e dei consumatori causato dalla eventuale trasformazione in  prodotto DOP  del latte è enorme e fa rilevare come le frodi alimentari siano un elemento, purtroppo, sempre più presente sui mercati. E’ imperdonabile -  continua Caggiano -  il comportamento di chi ha pensato, come in questo caso, di fare affari sfruttando impropriamente il latte di bufala con il quale viene prodotto uno tra i più prestigiosi formaggi italiani a denominazione di origine (DOP).Per il Direttore della Federazione Coldiretti salernitana, Aniello Ascolese, gli ottimi risultati dell’attività di controllo e di contrasto dei reati di frode alimentare, devono essere accompagnati  da una stretta nella maglie larghe della legislazione che permette tuttora di spacciare come Made in Italy quasi la metà della spesa fatta dagli italiani perché manca l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza della materia prima in tutti i prodotti alimentari in vendita. La mancata corrispondenza fra indicazioni in etichetta previste dal disciplinare e i componenti costitutivi del prodotto – ha concluso Ascolese  - rischia di costare cara agli imprenditori onesti sul piano nazionale e internazionale, dove è destinato il 16 per cento della produzione di mozzarella di bufala. Un prodotto che in termini occupazionali, diretti e dell’indotto, in Campania rappresenta ben ventimila lavoratori, 128 caseifici, 1.850 allevamenti con oltre 250.000 capi allevati, per un fatturato complessivo di 300 milioni di euro .Coldiretti è consapevole che il successo del made in Italy alimentare dipende dalla qualità e dalla trasparenza dei processi produttivi che concorrono a realizzarlo, dal lavoro alla materia prima fino all’informazione ai consumatori verso i quali non possono essere tollerati inganni. La credibilità conquistata dagli allevatori e dagli agricoltori, in generale, nel garantire la qualità delle produzione è un patrimonio da difendere nei confronti di quanti cercano di sfruttare la fiducia conquistata nelle campagne per vendere prodotti “taroccati”.



Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.