Home » Senza categoria

Roma: Premio Alberoandronico, la carica dei 621!

Inserito da on 6 aprile 2010 – 02:35No Comment

  Promuovere talenti attraverso la valorizzazione della lingua italiana, realizzare un laboratorio per giovani autori, creare uno spazio letterario autorevole nel panorama delle iniziative culturali nazionali e locali: sono queste le premesse da cui è nato il Premio nazionale di poesia e narrativa “Alberoandronico” che celebra la sua terza edizione.Il Premio “Alberoandronico”, la cui denominazione trae spunto da un meraviglioso Pioppo salvato dalla mobilitazione dei cittadini, che caratterizza Via Livio Andronico nel Municipio 19 di Roma, verrà assegnato giovedì 8 aprile nella prestigiosa Sala della Protomoteca in Campidoglio. Nel corso della manifestazione saranno assegnati riconoscimenti a coloro che, tra i 621 partecipanti, si sono distinti nelle sezioni a tema libero (poesia, sillogi, narrativa, libri editi, dialetto) o in quelle dedicate alla città, al cinema, al mare e allo sport. Inoltre, sono previsti premi speciali per l’autore più giovane e per quello meno giovane, per i migliori scrittori di madrelingua non italiana e per le opere che provengono dai Paesi più lontani. La rassegna assume ogni anno sempre più carattere internazionale: a questa edizione hanno partecipato, infatti, scrittori e poeti, provenienti oltre che da tutte le province italiane e da molti Paesi europei, anche dall’Argentina, dal Brasile, dal Perù, dalla Russia e dagli Stati Uniti, dall’Eritrea, dal Marocco e da altri paesi africani, che hanno rigorosamente redatto le opere in italiano. “L’iniziativa – spiega il Presidente dell’Associazione Alberoandronico, Pino Acquafreddaè diventata un importante appuntamento per tutti coloro che vogliono misurarsi in una gara letteraria che si svolge nella massima trasparenza con l’esclusivo obiettivo di valorizzare talenti di ogni età che, oltre ad esprimersi nella poesia o nella narrativa, possono cimentarsi anche nella proposizione di testi per una canzone”. Anche quest’anno una Giuria altamente qualificata ha selezionato, tra i tanti scritti giunti nella sede dell’Associazione, opere interessanti che meritano di essere conosciute e pubblicate e non di rimanere nei cassetti.  Questi elaborati – aggiunge in conclusione Pino Acquafreddarimandano ad un’Italia e ad una società ben diverse dagli stereotipi ai quali siamo abituati: non ci sono solo gli sms o le chat. Le opere testimoniano l’esistenza di una dimensione all’interno della quale le persone amano raccontarsi, andare alla ricerca di nuove forme di comunicazione, di espressione e di scrittura, con un arricchimento emotivo e linguistico “circolare”: per chi le scrive, per chi le legge e per chi e ha  studiate e valutate”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.