Home » >> Sanità

Nocera Inferiore:esami di elettromiografia e di elettroneurografia, prescrizione

Inserito da on 6 aprile 2010 – 03:53No Comment

Un protocollo per aiutare medici di base e specialisti a meglio orientarsi  nel prescrivere ai pazienti esami di elettromiografia ed elettroneurografia. Per migliorare la sensibilità diagnostica, ma soprattutto per ridurre tempi di esecuzione,  costi e disagi agli utenti, salvaguardando i paziente che di tali esami avrebbero davvero bisogno.Le indicazioni per un “corretto ricorso” alle predette prestazioni sono contenute in una nota che la d.ssa Giuseppina Salomone, direttore della Struttura Semplice Dipartimentale di Neurofisiologia di Nocera Inferiore, ha inviato in questi giorni a tutti i colleghi, nella quale sono contenute alcune raccomandazioni e indicazioni sulle esatte modalità di prescrizione degli esami in questione. Questa alcune delle raccomandazioni:

-          L’esame va sempre inserito in un preciso contesto clinico;

-          come indagine funzionale non fornisce informazioni circa l’eziologia della malattia mentre può essere utile per una diagnosi di sede;

-          è necessario circoscrivere l’indagine per ridurre al minimo il disagio per il paziente;

-          i risultati possono essere di dubbia attendibilità in persone anziane affette da lesioni neurogene croniche, malattie sistemiche, vasculopatie periferiche, obesità, ulcere trofiche o edema;  

-          per patologie croniche, il controllo neurofisiologico ha intervalli utili di anni (patologie eredo-degenerative,  complicanze neurologiche di patologie sistemiche endocrine ed autoimmuni);

-          il ripetuto monitoraggio di condizioni cliniche quali la neuropatia diabetica, alcolica o uremica, le radicolopatie compressive o le sindromi dolorose croniche è del tutto ingiustificato, a meno che non venga eseguito nell’ambito di trials terapeutici o di protocolli di ricerca;                                                                                                                   

-    è necessario avvertire l’esaminatore dell’assunzione di farmaci anticoagulanti, della presenza di pacemaker cardiaci o di stimolatori elettrici; segnalare patologie della coagulazione, malattie infettive a trasmissione ematica.

-          è utile evitare le richieste con indicazione dubbia o assent;

-          in particolare nel soggetto diabetico non è indicato:

·         come test di screening per la neuropatia diabetica (esistono test più semplici e facilmente eseguibili)

·         nei pazienti  asintomatici e con test quantitativi della sensibilità negativi anche in presenza di fattori di rischio per lo sviluppo della neuropatia diabetica (durata della malattia maggiore di  20 anni ,  scompenso glico-metabolico, presenza di altre complicanze)

·         per confermare una diagnosi già accertata con la valutazione clinica ed i test quantitativi della sensibilità

 Queste, invece, le modalità di prescrizione che i medici dovranno seguire:

Il medico di medicina generale o lo specialista di struttura pubblica  che richiedono un esame EMG/ENG devono:

1.      Specificare sempre il quesito diagnostico, eventuali dati anamnestici essenziali correlati e segni obiettivi principali rilevati.

2.      Specificare eventuali patologie concomitanti (diabete, collagenopatie, nefropatie…..),  esposizioni abituali o eccezionali, professionali e non a tossici,  fattori di rischio per carichi di lavoro e movimenti ripetitivi di tronco e arti, precauzioni per soggetti in terapia anticoagulante o portatori di pacemaker.

3.      Evitare richieste generiche (che non tengano conto dei territori/segmenti interessati dalla patologia ed oggetto dell’indagine).

4.      Prescrivere l’esame dopo altre indagini che possono, eventualmente, apportare dati importanti per l’inquadramento diagnostico.

 .    5  Ricordare al proprio assistito di portare, all’atto dell’effettuazione della prestazione, la documentazione di prenotazione, i referti di esami e visite specialistiche utili all’esecuzione dell’esame.

6      Ricordare al proprio assistito di avvisare il CUP  in caso di rinuncia e/o di impossibilità a sottoporsi all’indagine neurofisiologica

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.