Home » • Salerno

Salerno: con i “responsori della Settimana Santa” Resurrectione

Inserito da on 29 marzo 2010 – 05:33Un commento

Mercoledì 31 marzo, alle ore 20.30, presso la Chiesa barocca di S. Giorgio, in via Duomo a Salerno, prenderà il via “Resurrectione”, la II Rassegna musicale “S. Giorgio chiesa delle arti”. Nel primo appuntamento l’associazione Estro Armonico, guidata da Silvana Noschese, proporrà “I Responsori dell’Ufficio della Settimana Santa”. Si tratta di una ricostruzione dello svolgimento liturgico del Mattutino del Giovedì e del Venerdì Santo nell’intonazione  di compositori polifonici antichi e contemporanei. Un appuntamento da non perdere, ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti. La serata vedrà la partecipazione straordinaria di Marino Cogliani, che da tempo conduce una personale ricerca sulle melodie sacre. Promossa dall’Archidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, dalla Rettoria di S. Giorgio Martire e dall’Editoriale Agire, la rassegna, punterà i riflettori sulla musica colta e popolare, sulle tradizioni sonore legate all’evento cristiano per eccellenza. Con questo progetto, che si avvale della direzione artistica di Maurizio Cogliani, la Chiesa barocca di Salerno, retta da mons. Comincio Lanzara, prosegue così la valorizzazione sia dell’antico luogo sacro sia della tradizione ad esso legata di “chiesa delle arti”, deputata ad ospitare eventi e percorsi artistici di straordinaria bellezza. La cooperativa Editoriale Agire, presieduta da Vincenzo Pappalardo, cha ha già promosso diversi eventi culturali continua così coerentemente, in sinergia con la testata cartacea diretta da padre Claudio, il progetto di ampliamento dell’offerta e di apertura al territorio della testata cattolica. Ne “I Responsori nell’Ufficio della Settimana Santa” ì testi, legati alla passione di Cristo e al rito delle tenebre come morte e della luce come resurrezione,  sono quelli originali degli antichi responsori. Il concerto si apre con la sequenza  di Vipone di Borgogna “Victimae Pascali Laudes  che si canta ancora oggi per la Pasqua e termina con la Sequentia Pascalis di un compositore contemporaneo.Tra l’Alleluia gregoriano iniziale e il brano finale si inseriscono i brani che commentano i momenti più drammatici della vita  di Cristo:  il dolore, la morte, la pietà,  la resurrezione. I brani musicali sono di autori estremamente  rappresentativi della polifonia antica e contemporanea. Ingegneri, Victoria, Di Lasso, Lotti Scarlatti , gli autori antichi;  Kodaly, Ghedini, Poulenc e altri compositori viventi, gli autori contemporanei. Presenterà Nunzia Schiavone. La rassegna è organizzata con il Comune di Salerno, la Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana, la Banca di Salerno, Best Board, il nuovo canale tematico di Telediocesi Salerno “Telediocesi Culture”, Progress Television Service ed il fotografo Enzo Figliolia.  Nella liturgia della Chiesa di Roma i responsori si cantano durante l’officium Hebdomadae Sanctae ovvero durante il Mattutino del giovedì santo Venerdì e sabato santo. Il testo liturgico è quello proposto dal Concilio di Trento. Di carattere a volte omofonico, altre polifonico con alternanze di parti affidate ai soli, i testi liturgici dei Responsori evocano gli ultimi drammatici momenti della passione e morte di Gesù. Vennero composti quasi sicuramente nei primi secoli della cristianità e formarono in seguito il  nucleo di preghiere del cosiddetto “triduum sacrum” ovvero del giovedì e del venerdì santo. All’inizio del rito l’unica luce che illuminava la chiesa proveniva da un candeliere triangolare detto “saetta”, su cui ardevano quindici candele(raffiguranti gli undici apostoli fedeli, le tre Marie e quella al vertice, il Cristo) e da sei ceri sull’altare.

 

Un commento »

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.