Home » • Agro Nocerino Sarnese, Cava e Costiera

Minori: Settimana Santa, una “Passione” che si rinnova…

Inserito da on 18 marzo 2010 – 03:52No Comment

Il Centro di Cultura e Storia Pompeo Troiano   terrà la  Giornata di Studi – I Riti della Settimana Santa a Minori – Aula Consiliare comunale sabato 27 marzo alle ore 9.30. Le celebrazioni della Settimana Santa, a Minori, sono legate alla tradizione dei Battenti. Depositaria di questa secolare tradizione è l’Arciconfraternita del SS. Sacramento, ubicata alle spalle della Basilica di Santa Trofimena. Vestiti di bianco e cinti da una rozza corda di canapa, con un semplice cappuccio a coprire il volto, anticamente erano dediti alla pratica della flagellazione per l’espiazione dei peccati. Col tempo l’antica usanza della punizione corporale è scomparsa, lasciando spazio alle litanie e ai canti che annunciano la Passione e Morte del Signore. Minori è l’unico paese in Costiera Amalfitana che conserva intatta la vera tradizione dei “canti della Settimana Santa”. Il canto dei Battenti, infatti, ha origini plurisecolari e si tramanda oralmente, la sua caratteristica è legata alla differenza del tono che per tale motivo è stato denominato in “e vascie“ (di sotto) e “e ncoppe” (di sopra). Questa caratteristica legata sia alle differenti tonalità musicali dei due canti, sia alla presenza di due congreghe ubicate in zone diametralmente opposte del paese. Il tono “e ncoppe” era tipico della Congrega di Villa Amena, piccola frazione del comune di Minori ubicata sul versante collinare ad ovest del centro urbano. Il tono “e vascie”, invece, era proprio dell’Arciconfraternita del SS. Sacramento collocata a valle. Dopo il successo della I edizione, tenutasi a Minori il 30 marzo 2009, con la partecipazione di studiosi di fama internazionale, tra cui il prof. Luigi Maria Lombardi Satriani, il Centro intende continuare gli studi su una delle più antiche e suggestive tradizioni della città di Minori.

 

 

      

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.