Home » >> Politica

Iannuzzi:“Incentivi fiscali per patrimonio edilizio ed abitativo”

Inserito da on 6 febbraio 2010 – 07:47Un commento

 Le ultime tragiche vicende verificatesi in diverse zone del Paese ripropongono con forza ancora maggiore il tema, così rilevante e decisivo, del recupero, dell’ammodernamento, della ristrutturazione del patrimonio edilizio ed abitativo che versa spesso in condizioni di degrado, di fatiscenza ed, in tante situazioni, di inadeguatezza e di insicurezza: tema così attuale e centrale soprattutto nel Mezzogiorno, in Campania ed anche nella Provincia di Salerno. L’on. Tino Iannuzzi, Deputato del Partito Democratico, ritiene necessario assumere una forte iniziativa parlamentare ed in sede legislativa per l’adozione di un “pacchetto” di norme dirette ad incentivare, ad accelerare ed a favorire un vasto processo di riqualificazione urbana ed immobiliare. In questo contesto, fondamentale è la leva fiscale, anche sulla scia della esperienza straordinariamente positiva delle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie (detrazioni ai fini IRPEF del 36% e IVA ridotta al 10%), introdotte dalla legge n. 449/1997 e costantemente prorogate da successive leggi: agevolazioni che, dal 1998 in poi, sono state utilizzate in 4.028.000 casi; in Campania vi sono state circa 78.500 utilizzazioni di tale beneficio fiscale. Questa misura va estesa con una normativa specifica per promuovere il consolidamento statico e la sicurezza anti-sismica degli edifici, nel quadro di un generale risanamento urbano. In questo senso occorre prevedere un incentivo fiscale più forte e specifico: detrazioni ai fini IRPEF incrementate ed elevate nella misura del 41% delle spese sostenute, entro un tetto massimo di spesa di 100.000 euro da spalmare in un arco temporale di 5 anni, ferma rimanendo l’IVA ridotta sui lavori al 10%. Inoltre – proprio in ragione dell’urgenza e della rilevanza per l’interesse pubblico e per la sicurezza delle persone e della comunità, dell’adeguamento statico ed antisismico del patrimonio edilizio, occorre costituire un fondo pubblico-statale e della Regione Campania – per sostenere, aiutare ed accompagnare i relativi programmi di intervento, attraverso mutui a tasso agevolato, e contributi a fondo perduto in presenza di precise condizioni e limiti sociali ed economici.

Un commento »

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.