Home » >> Sanità

Salerno: Cisl, affianco ai dipendenti Asl per la crisi sanitaria

Inserito da on 4 giugno 2009 – 11:25No Comment

La crisi della sanità pubblica salernitana si ripercuote in modo forte sui 600 dipendenti circa impegnati nei servizi di sanificazione, ausiliariato, logistica e della ristorazione appaltati dall’Asl di Salerno ai vari consorzi. A denunciarlo è il segretario generale della Fisascat Cisl Salerno Mariano Santarsiere. “Su tutti questi lavoratori grava una preoccupante situazione di precarietà ed incertezza – afferma Santarsiere -, causata dalla notevole mancanza a livello organizzativo dell’Asl provinciale. E dietro questa carenza si nascondono le nostre controparti, che ogni volta tirano in ballo questa scusante eludendo le nostre richieste finalizzate a migliorare le condizioni di lavoro del personale che assicura un servizio fondamentale per tutti i cittadini”. Santarsiere chiede più dignità e considerazione per queste persone: “Le prestazioni vengono assicurate all’azienda per un compenso lordo di circa 6,50 euro all’ora. Questa è una cosa impensabile per lavoratori  ai quali, tra le tante cose, si chiede di effettuare la propria opera all’interno di zone considerate ad alto rischio e che sembrerebbero nemmeno contemplate all’interno dei vari capitolati d’appalto. Inoltre, molti dipendenti effettuano lo smistamento di rifiuti ospedalieri della cui non pericolosità non vi è certezza e altri eseguono le proprie mansioni in sale operatorie con tutti i rischi che ne conseguono. Tutto questo, a meno di 7 euro al giorno per contratti di sole 18 ore settimanali, è una cosa vergognosa. Si tratta di servizi ad alto rischio, dove la salute dei lavoratori deve essere tutelata ad ogni costo”.  Tante sono state le trattative portate avanti dalle organizzazioni sindacali per migliorare la situazione, ma le vicissitudine che hanno riguardato l’Asl provinciale, non ultimo il commissariamento, ha creato non pochi problemi alle confederazioni dei lavoratori. “Abbiamo chiesto al commissario De Angelis un incontro urgente per discutere insieme delle svariate problematiche legate ai servizi appaltati dall’Asl. Ma da quando si è insediato non ha avuto nemmeno il tempo di guardarsi la relativa documentazione. Speriamo di essere convocati al più presto al fine di evitare che il clima di tensione che serpeggia tra i lavoratori possa sfociare in qualcosa di spiacevole”.

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.