Home » • Agro Nocerino Sarnese, Cava e Costiera

Pagani: tariffa igiene ambientale senza aumenti

Inserito da on 27 maggio 2009 – 14:35Un commento

Prendendo spunto dalle comunicazioni contenute su alcuni quotidiani, con le quali si manifesta un aumento della tariffa igiene ambientale nel Comune di  Pagani si fa notare che suddetto ente è in linea con tutti gli altri comuni della provincia di Salerno ed in alcuni casi senz’altro inferiore rispetto al Comune di Eboli e al Comune di Cava de’ Tirreni.Relativamente ai dati di raccolta differenziata anno 2009, si comunica che il 18 Maggio è partita la raccolta domiciliare nella Zona 1 (6.000 nuclei familiari circa).Nella settimana dal 18 al 23 maggio nella Zona 1 si è raccolto, secondo calendario, tre giorni l’organico, tre giorni il secco indifferenziato, un giorno la carta e un giorno il multi materiale (plastica, alluminio e banda stagnata). Il cartone degli esercizi commerciali tutti i giorni in tutta la città.I dati dei quantitativi dei vari materiali nella settimana tra il 18 e il 23 Maggio fanno registrare un significativo aumento della raccolta differenziata rispetto al mese di Aprile (quando si è raggiunto il 19% di R.D. su tutto il territorio cittadino).Infatti sommando i dati di tutta la Città di Pagani Zona 1 e Zona 2 si è avuto un aumento della raccolta delle seguenti porzioni materiali: Organico + 60%; Carta e cartone + 50%; Vetro + 10%; Multi materiale + 90%. Questo dato, se confermato nei prossimi giorni, attesterebbe la raccolta differenziata a Pagani al 30%. Dal 1 giugno partirà la raccolta domiciliare anche nella Zona 2 (6.000 nuclei familiari circa) per cui se il livello di collaborazione da parte dei cittadini resta costante è prevedibile l’attestarsi della raccolta differenziata nel mese di giugno al 40% circa. Relativamente alle attività di recupero evasione TIA, lo Scrivente Consorzio comunica che, in ossequio all’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 18 febbraio 2009 n. 3743, sta predisponendo tutti gli atti e le attività preliminari e successive per il recupero dell’evasione della Tariffa Rifiuti solidi urbani. In particolare sta procedendo in una prima fase all’invio di avvisi di accertamento per gli evasori totali, ovvero cittadini o attività che non hanno mai pagato la tariffa rifiuti solidi urbani.Tale azione consentirà di ridistribuire la ripartizione del carico tariffario in maniera da ridurre le bollette ai cittadini e alle imprese che hanno sempre onorato i loro impegni. Obiettivo dell’Amministrazione è di cominciare a ridurre le bollette già entro la fine dell’anno o al massimo agli inizi dell’esercizio successivo, riconoscendo in tal caso una riduzione sulle bollette del prossimo anno.   

 

           

Un commento »

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.