Home » • Valle dell'Irno

Mercato San Severino: ultimazione monastero San Liberatore

Inserito da on 13 febbraio 2009 – 13:20No Comment

Sono in fase di ultimazione i lavori di restauro del monastero di San Liberatore, meglio conosciuto come Eremo di San Magno, ad Acigliano. I lavori rientrano nell’ambito dell’intervento integrato di edilizia residenziale in corso di realizzazione a San Vincenzo e, come tali, sono considerati delle urbanizzazioni secondarie. L’eremo di San Magno è situato a nord dell’abitato di Acigliano, la frazione ai confini con la provincia di Avellino. E’ posato su di un’altura a circa 214 mt. di altitudine sul livello del mare, dominando tutta la vallata che si estende tra Montoro, Fisciano e Mercato S. Severino. L’intervento è consistito nel recupero del manufatto mediante la ricostruzione di parti delle strutture verticali mancanti con pietrame locale, nel rispetto della tipologia costruttiva. I solai della cappella e degli ambienti laterali sono stati ricostruiti con travi in legno, con l’inserimento di cordolature di ancoraggi tese a rendere solidali le strutture verticali con quelle orizzontali. Il tetto poggia su struttura portante in legno ancorata alle murature perimetrali con cordoli. Particolare cura è stata riservata alla ricucitura delle pareti e delle volte del campanile sulla parte centrale dell’ingresso alla cappella. Le murature esterne sono state stilate e rabboccate per evidenziare la faccia vista. L’area pianeggiante circostante è stata bonificata e recintata con una ringhiera formata da pali di castagno infissi nel suolo ed incrociati ad x con sovrastante corrimano in legno. “Le prime notizie relative all’Eremo” – dichiara il Vice Sindaco Giovanni Romano – “risalgono al 1309 per cui si tratta di un edificio molto antico ma, soprattutto caro ai residenti di Acigliano  i quali, nel corso degli anni, ne hanno fatto un punto di riferimento ed un simbolo. Con il restauro del monastero di S. Liberatore restituiamo alla frazione un importante elemento di storia territoriale, inciso nella memoria storica dei residenti ”.L’edificio è composto da una cappella e da due locali adiacenti laterali. La cappella termina con un abside circolare e presenta al centro un arco a tutto sesto. La muratura è formata da pietra locale; l’abside e l’arco centrale sono realizzati in tufo giallo a conci regolari. All’ingresso si notano tracce di pavimentazione con battuto di calce e sabbia di fiume. Negli anni tra il 1812 ed il 1816 la Chiesa di San Magno fece parte della parrocchia di S. Fortunato in Pandola.

 

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.