Home » Sport

Disastro granata: l’Ascoli espugna l’Arechi

Inserito da on 20 dicembre 2008 – 22:11Un commento

 

Emanuele Valletta – Giuseppe Carpentieri

La Salernitana chiude l’anno solare con l’ennesima sconfitta di un campionato che si fa sempre più duro. Il cambio dell’allenatore sulla panchina granata non ha ancora dato i frutti sperati, cosa invece accaduta sul fronte opposto dove l’ex tecnico granata Colomba è riuscito a trovare la quadratura del cerchio in pochissimo tempo. Eppure l’inizio della Salernitana, scesa in campo con il classico 4-4-2 e Cardinale e Scarpa titolari, era sembrato promettente, con un discreto possesso palla che tuttavia non ha portato pericoli alla porta ascolana. Sono invece gli ospiti a sfruttare al meglio la prima occasione capitatagli, aiutati anche dall’arbitro Ayroldi, che al 10° minuto assegna un rigore molto dubbio su convulsa azione di calcio d’angolo. Soncin non perdona, e per i granata è, come spesso accade, l’inizio della fine. L’aspettata reazione non avviene ed è anzi la squadra marchigiana che trova il raddoppio dieci minuti dopo con l’albanese Cani: il suo stacco solitario al centro dell’area su cross di Pesce punisce una difesa praticamente imbalsamata. Nel prosieguo della prima frazione, i granata si avvicinano al gol solo con un colpo di testa di Turienzo alto di poco, mentre l’Ascoli continua le proprie folate in avanti sfiorando il gol con Di Donato: bravo Pinna nella circostanza. Si chiude così il primo tempo, sotto i meritati fischi della curva. Alla ripresa delle ostilità, la Salernitana prova almeno a metterci l’orgoglio, grazie anche agli innesti prima di Ciarcià (per l’inguardabile Marchese), poi di Carcione e Gerardi. Sono proprio due dei nuovi entrati che propiziano il gol che riapre la gara. Per una volta la Salernitana gestisce palla senza lanciare lungo, e Ciarcià riesce a verticalizzare per Gerardi, che trafigge Guarna con un bel diagonale rasoterra. E’ il momento migliore dei granata, che poco prima del gol avevano sfiorato la realizzazione con un tiro a girare di Di Napoli terminato alto di pochissimo, ma è proprio il gol che spegne la partita: l’Ascoli torna a presidiare bene il territorio e solo allo scadere, su azione confusionaria iniziata dal solito Ciarcià, Di Napoli manca il colpo vincente anticipato all’ultimo istante. Finisce così, con la gioia dei pochi tifosi ascolani presenti e con la rabbia giustificata degli ultras granata. Ormai i problemi della squadra salernitana sono ben noti: mancano mentalità e convinzione, e l’organico mostra innumerevoli falle. La riapertura del mercato è vicina, e urgono nuovi elementi soprattutto in difesa e in attacco, dove l’assenza di Fava si fa sentire pesantemente. Il baratro è vicino, ma il campionato ancora lungo ed è questo il momento di correggere gli errori commessi nella prima parte della stagione; in caso contrario, difficilmente la Salernitana riuscirà a competere per un posto in serie B nella prossima stagione.

 

 

 

Un commento »

  • mimmo scrive:

    cdhe fine di merda che stiamo facendo…………………
    non c’entra nulla l’allenatre
    bisogna comprare i giocatori………….
    di questo passo rischiamo di ritornare in serie c–……………
    un bacione ad Emanuele…………che come sempre ha fatto un ottimo articolo…………..

    By il Pampa Sosa………..

Lascia un commento!

Devi essere logged in per inserire un commento.